Archivi

redazione@gallurainformazione.it
lunedì, Luglio 4, 2022
AttualitàCulturaNews

La Maddalena. A Tegge il dispositivo Seatrac, sedia mobile per trasferirsi dalla spiaggia in mare

Adriano Greco

(di Claudio Ronchi) – Già da questo mese di giugno, nella spiaggia di Tegge, alle persone con disabilità sarà possibile utilizzare il dispositivo Seatrac. “È composto da una sedia che scorre su un binario, alimentata da energia solare”, afferma Adriano Greco, delegato ai Servizi Sociali; “La persona non fa altro che cliccare sul telecomando che gli consente, attraverso questa sedia mobile, di trasferirsi dalla spiaggia in mare. Fin dall’inizio del mandato cerco di migliorare la vita delle persone portatrici di disabilità e per questo ho lavorato e sto lavorando a diversi progetti. In questo caso, dopo un lavoro durato parecchi mesi siamo riusciti, come Comune, ad acquistare questo dispositivo”.

Il Seatrac è lungo circa 18 metri, 10 metri dei quali in acqua e 8 metri a terra; ha un costo di circa 40.000 euro. “Lunedì scorso è venuta la ditta (la De Mattia Ascensori Srl di Sassari ndr), abbiamo il fatto sopralluogo, preso le misure e conto che, a metà giugno o al massimo alla fine del mese, possa essere installato e operativo. Il dispositivo Seatrac – precisa Greco – è unico in Sardegna, siamo il primo Comune e il primo Parco Nazionale che se ne dota, è il secondo in Italia e nel mondo ce ne sono soltanto 200”.

La struttura è amovibile e quindi verrà smontata d’inverno.

Perché la scelta è caduta sulla spiaggia di Tegge? “Perché è più facilmente raggiungibile ed accessibile ed ha alle spalle una rampa per poter, tutti e facilmente, accedere ai bagni oltre che ad un bar-ristorante”.

Questo, prosegue Adriano Greco, “è un progetto pilota, limitato quest’anno a Tegge ma che, per le prossime stagioni estive, punterò ad estendere anche ad altre 3-4 spiagge, per dare pari opportunità alle persone con disabilità ovvero la possibilità scegliere la spiaggia dove recarsi e quindi di cambiare spiaggia, come tutti”.

Il dispositivo Seatrac, si legge nelle istruzioni, consente dunque l’accesso autonomo al mare delle persone con disabilità motoria. L’utente può accedere al punto di imbarco con la propria carrozzina e trasferire facilmente al sedile del meccanismo. Il punto finale del percorso del sedile è immerso in una profondità che è adatta a facilitare il trasferimento dell’utente dal meccanismo del sedile attraverso l’effetto galleggiamento. Seatrac è controllato tramite un telecomando ma è azionabile anche manualmente. Non è richiesta alcuna formazione specifica dell’utente o dei suoi assistenti.