Archivi

redazione@gallurainformazione.it
lunedì, Settembre 26, 2022
Foto Seame Sardinia
AttualitàCulturaNews

La Maddalena. Ben 17 delfini costieri avvistati in poche ore da Seame Sardinia

Foto Seame Sardinia

(di Claudio Ronchi) – “Femmine, piccoli, maschi e giovani hanno offerto le loro sagome alle nostre fotocamere”. I volontari di Seame Sardinia, associazione presieduta da Luca Bittau, si riferiscono ai tursiopi (𝑇𝑢𝑟𝑠𝑖𝑜𝑝𝑠 𝑡𝑟𝑢𝑛𝑐𝑎𝑡𝑢𝑠), i delfini costieri, unica specie di cetacei residente nelle acque del Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena; un numero inferiore forse a quello effettivo, che è da verificare con la fotoidentificazione.

Supportati dai mezzi di @Area 11 Diving Center di La Maddalena, gli esperti di Seame Sardinia hanno vissuto dunqua, sabato della scorsa settimana, una giornata di ricca di avvistamenti.

Il bello ed interessante dell’escursione scientifica, informa Luca Bittau, è stato rilevare e costatare il “comportamento confidente di quasi tutti i gruppi incontrati, con numerosi salti e bow-riding (il nuoto a prua dell’imbarcazione). Ciò è probabilmente dovuto non solo al nostro approccio “soft”, nel rispetto del codice di condotta per ridurre il disturbo sugli animali, ma anche allo scarso traffico nautico presente nelle acque del parco in queste settimane, che rende la pressione dell’inquinamento acustico ancora sopportabile per questi mammiferi marini”.

I delfini costieri, come tutti i cetacei, “utilizzano i suoni per orientarsi, comunicare, cacciare, e che un ambiente acustico in buona salute è fondamentale per la loro sopravvivenza e permanenza nell’area”.

Il delfino costiero (tursiope) è al momento considerato Least Concern (LC) nella lista Rossa IUCN delle specie minacciate di estinzione.

La foto di copertina è di Seame Sardinia