Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Maggio 24, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Il Parco Nazionale per la modifica degli itinerari nelle Isole; Armatori contrari. Il caso sollevato dai consiglieri comunali Manconi, Gulino e Giudice

(di Claudio Ronchi) – Il Parco Nazionale avrebbe intenzione di modificare il regolamento e gli itinerari delle unità traffico passeggeri per le isole minori nell’imminente stagione turistica, intervenendo, in particolare, sui punti di sbarco e sulle soste bagno alla boa all’interno del Porto Madonna ed altri siti di pregio naturalistico. È quanto riferiscono i consiglieri comunali di minoranza, Giovanni Manconi, Annalisa Gulino e Rosanna Giudice.

Tale orientamento sarebbe emerso nel corso di alcuni incontri tra gli armatori, il direttore attuale Yuri Donno e la consigliera del Direttivo Lucia Spanu.

Tale intenzione trova contrari gli operatori economici del traffico passeggeri che, trovandosi ormai alle porte della stagione estiva, non ritengono opportuno stravolgere regole che negli anni sono state concertare e condivise da tutti.

“Non si capisce infatti come mai alcuni punti di sbarco negli ultimi 20 – 25 anni sono stati considerati sicuri e oggi invece non vanno più bene”, scrivono i 3 consiglieri.

“Il sistema degli ormeggi e delle soste che negli anni, sono state concordate con gli stessi operatori, al fine ultimo di distribuire equamente la pressione antropica sugli arenili, rappresenta un grosso danno per gli operatori del traffico e per tutte le attività connesse”.

I consiglieri Manconi, Gulino e Giudice si domandano “se, tali iniziative, portate avanti dal Dott. Yuri Donno e la Sig.ra Lucia Spanu, siano frutto di una posizione condivisa da tutti i componenti del Consiglio Direttivo del Parco e dall’Amministrazione Comunale” e ricordano “che il settore traffico passeggeri, oggi, rappresenta tra le più importanti economie del nord Sardegna e merita attenzione, è doveroso trovare le soluzioni più idonee per consentire lo svolgimento sereno di tutte le attività, conciliando queste ultime con le esigenze di tutela del nostro territorio”.