Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Ottobre 7, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Parte il restauro del Palco della Musica; l’assessora: materie prime come acciaio e alluminio difficili da reperire

(di Claudio Ronchi) – La ditta Zicchittu Francesco di Olbia ha aperto oggi il cantiere dei lavori di restauro e messa in sicurezza del Palco della Musica di Piazza Comando.

Le condizioni statiche della struttura – transennata nel novembre del 2020 – impongono interventi di recupero e restauro in quanto alcuni dei pilastri
in ghisa sono lesionati, altri elementi di sostegno sommitale risultano scardinati e tali da non assolvere più alla loro funzione statica.

Sono molto contenta che i lavori stiano partendo adesso perché l’obiettivo è quello di avere ristrutturato il palco della musica per giugno, affinché anche il turista che visiterà l’isola potrà godere una struttura storica che verrà riportata agli antichi splendori”, ha dichiarato l’assessora ai Lavori Pubblici, Federica Porcu.

Purtroppo mi preoccupa molto il periodo storico che stiamo vivendo, in cui molte materie prime risultano difficili da reperire o addirittura introvabili, e parlo di materiali fondamentali per questa ristrutturazione, come l’acciaio e l’alluminio previsti in progetto”.

Come si ricorderà, Gallura Informazione intervistò tempo fa, quando venne approvato il progetto di fattibilità, l’assessora Porcu; Il restauro, dichiarò al giornale, “riporterà, quasi fedelmente, il palco della musica alle origini, con l’inserimento di alcune ‘modernità’, elementi imprescindibili per i nostri tempi. Infatti verrà realizzata una rampa di accesso per renderlo inclusivo anche alle persone con ridotta capacità motoria nonché un sistema di illuminazione che metterà in risalto gli elementi architettonici dell’opera. Verrà valorizzata anche la parte circostante, sempre accessibile ed inclusiva, con sistemazione del verde, panchine ed un pannello multimediale-informativo che descriverà la storia del palco della musica, dalla sua nascita a fine dell’800 passando dal restauro negli anni ‘60 fino ad arrivare ai giorni nostri, in tutto il suo splendore”.