Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Ottobre 7, 2022
AttualitàNews

Jessica Cardia (F.P. Cgil Gallura) chiede alla Regione l’immediata assunzione del personale disponibile di un concorso espletato, l’avvio della stabilizzazione del personale di Comparto, e sollecita le Amministrazioni Comunali della Gallura nel richiedere un incontro urgente con l’Assessore.

(di Claudio Ronchi) – Intervento critico da parte Jessica Cardia, segretaria territoriale Funzione Pubblica Cgil Gallura, nei confronti dell’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, sul “mancato utilizzo di una graduatoria concorsuale con l’immediata disponibilità di ben 32 medici specialisti in Urgenza Emergenza. Concorso già espletato da mesi e rimasto nei ‘segreti cassetti’ dell’Assessorato, nonostante che la Sardegna e non solo la Gallura vive il dramma della carenza di personale specializzato sia medico che infermieristico e di supporto”.

Questo in un contesto nel quale “la Sanità Gallurese soffre forse più di altri territori sardi”.

L’utilizzo di medici in questione afferma la Cgil, coprirebbe in parte la carenza organica che attanaglia da sempre i presidi della Asl di Olbia.

Jessica Cardia, dopo aver sottolineato come “tutto il Comparto Sanitario vive il dramma della mancata stabilizzazione del personale infermieristico e OSS utilizzato per l’emergenza Covid”, ricorda come alcune problematiche possano aggravarsi durante la stagione estiva. 

La Funzione Pubblica Cgil chiede pertanto “l’immediata assunzione del personale disponibile nel concorso su citato e l’avvio in tempi celerissimi della procedura di stabilizzazione del personale di Comparto, e sollecita le Amministrazioni Comunali della Gallura nel richiedere un incontro urgente con l’Assessore sulle tematiche dalla Sanità Gallurese partendo dalla copertura degli organici”.