Archivi

redazione@gallurainformazione.it
lunedì, Settembre 26, 2022
AttualitàNews

Arzachena. Negli occhi dei profughi ucraini l’orrore della guerra; si raccolgono indumenti e beni di prima necessità

(di Claudio Ronchi) – “Tutti hanno lasciato a casa i propri familiari, i mariti sono stati richiamati alle armi. Portano negli occhi il dolore di quello che hanno vissuto, ciò che vediamo in tv è nulla rispetto ai racconti che abbiamo ascoltato dalla loro voce”. Lo ha affermato il sindaco Roberto Ragnedda, dopo aver accolto, venerdì scorso, la prima famiglia proveniente dall’Ucraina.

Il sindaco e il delegato alla Protezione Civile, Alessandro Careddu, stanno attivando le procedure affinché la famiglia possa integrarsi nella comunità arzachenese,

Nel frattempo, ad Arzachena, sono attive diverse associazioni per la raccolta di indumenti e beni di prima necessità. Un primo carico è partito sabato mattina. Chi vuole contribuire può scrivere al nostro indirizzo email dedicato, emergenza@comunearzachena,it