Archivi

redazione@gallurainformazione.it
mercoledì, Settembre 28, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Solo per il nuovo approdo dei traghetti ci vogliono oltre 20 milioni di euro, ma non ci sono tutti

(di Claudio Ronchi) – E pensare che più di 10 anni fa (5 anni della seconda Amministrazione Comiti e 5 anni e mezzo dell’Amministrazione Montella) sembrava che i lavori del Water Front dovessero iniziare “…dopo l’estate”.

Il delegato alla puntualità, Valerio Pisano, rispondendo questa mattina in Consiglio Comunale, ad una domanda della consigliera di minoranza, Annalisa Gulino, ha dato informazione che c’è stato recentemente l’affidamento, ad uno studio specializzato, del Piano Regolatore del Porto. Un passaggio importante, ha sottolineato, perché funzionale alla progettazione del Water Front che va da Cala Balbiano a Punta Chiara.

Water Front che prevede, tra l’altro, la realizzazione delle banchine di imbarco e sbarco dei traghetti proprio a Punta Chiara (Piazza Comando); intervento che libererebbe dai traghetti un ampio spazio di banchina da dedicare ai mezzi nautici turisti di portata media e grande.

Tuttavia, ha detto il delegato Pisano, il problema è il reperimento dei fondi; c’erano disponibili 17 milioni di euro, in parte spesi o già destinati, e ne rimarrebbero soltanto 12 milioni. Ma per realizzare questa puntualità relativa al nuovo approdo dei traghetti necessitano dai 20 ai 22 milioni di euro.