Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Maggio 26, 2022
CulturaNews

La Maddalena. A Procida, Capitale Italiana della Cultura 2022, ci saranno 150 eventi

(di Claudio Ronchi) – Questo anno 2022 appena iniziato è quello che vede essere Procida, la Capitale Italiana della Cultura. Il Comune di Procida, in Campania, si estende su due isole, Procida e Vivara, ha un’estensione di 4,1 km² e poco meno di 10.500 abitanti.

Quest’anno a Procida verranno realizzati 44 progetti, ci saranno 150 eventi e si esibiranno 350 artisti provenienti da 45 Paesi del Mondo.  

Scriviamo questo per poter meglio rendere l’idea, per contribuire alla maggiore conoscenza di cosa possa significare una designazione di questo tipo, designazione per la quale La Maddalena è in corsa, è tra le candidate, per l’anno 2024.

“Procida, la cultura non Isola” è questo il titolo del dossier presentato a suo tempo e ritenuto migliore tra quelli delle altre 27 città concorrenti, dossier che ha evidenziato, è scritto nel sito del Ministero della Cultura, come la terra isolana sia “luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, è modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali”.

La designazione della Capitale Italiana della Cultura 2022, ha detto il ministro Dario Franceschini- “è un segnale per guardare al futuro. È un anno complicato per tutti, stiamo cercando di sostenere in ogni modo le attività culturali e turistiche e la designazione di oggi della capitale italiana della cultura per il 2022 è un segnale per il futuro, per la ripresa”.

Procida, ha affermato il sindaco di Procida, Raimondo Ambrosino, “può essere considerata una metafora di tanti luoghi, di tante amministrazioni, di tante comunità che hanno riscoperto l’entusiasmo e l’orgoglio del loro territorio e che con questo titolo vogliono costruire un riscatto importate per le proprie terre”.

Peccato solo che la recrudescenza dei contagi Covid abbia costretto gli organizzatori a rinviare la data della cerimonia di inaugurazione, prevista per lo scorso 22 gennaio, inaugurazione che avrebbe dovuto coinvolgere tutta la comunità procidana.  Il programma dell’anno non dovrebbe tuttavia subire modifiche.