Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Ottobre 1, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Ieri c’era la Sardegna tutta a sostenere la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2024

(di Claudio Ronchi) – Ieri,  per presentare, sostenere e motivare la candidatura di La Maddalena a Capitale Italiana della Cultura c’erano istituzioni importanti; c’era la Regione con due esponenti di giunta (Alessandra Zedda e Giuseppe Fasolino), c’era la Provincia di Sassari e della Gallura, col presidente Pietrino Fois, c’era l’Anci Sardegna col suo presidente Emiliano Deiana, c’erano i Borghi più belli d’Italia (che non sono istituzione ma una importantissima associazione nazionale) con Franco Cuccureddu ed è intervenuto l’architetto Stefano Boeri membro del avviso dell’advisory board che sostiene la candidatura maddalenina.

 “A livello globale stiamo vivendo forse uno dei periodi peggiori dal dopo guerra ad oggi. La candidatura a Capitale Italiana della Cultura – ha detto il sindaco Fabio Lai – serve a veicolare un messaggio di voglia di ripartenza di un paese che ci crede e vuole investire in un nuovo modello turistico. Vogliamo essere un banco di prova, un bel progetto pilota per la Sardegna, utile a cambiare quell’immaginario collettivo che spesso di relega a mera meta turistica balneare. La Sardegna invece è tanto altro. È turismo culturale, turismo nautico e turismo green. È questa la vera sfida”, ha proseguito il sindaco: “rilanciare l’immagine del nostro stupendo territorio regionale. Un territorio che ha risposto con oltre 70 sindaci che hanno sostenuto questa candidatura così come l’ha sostenuta il mondo dell’Università, la Provincia e la Regione. Abbiamo unito il territorio e per me, questa, è già una vittoria”.