Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Giugno 28, 2022
BreviNews

La Maddalena. Minoranze a difesa degli isolotti di Mortorio &C.

(di Claudio Ronchi) – Le minoranze consiliari più che mai schierate a difesa degli isolotti di Soffi, Mortorio, le Camere, Li Nibani, Le Bisce, Cappuccini e qualche altro scoglio, dei quali il Comune di Arzachena ne rivendica la titolarità.

Dopo il recente articolo pubblicato da Claudio Inconis, su La Nuova Sardegna, nel quale il sindaco Ragnedda conferma la propria volontà di “annessione”, eventualità che avrebbe ripercussioni anche sul Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena, del quale le contestate isole fanno parte, Rosanna Giudice, Giuseppe Manconi, Manila Salvati, Alberto Mureddu e Annalisa Gulino, scrivono che “la risposta del sindaco di Arzachena chiarisce, caso mai qualcuno avesse avuto dubbi, il vero obiettivo del tentativo maldestro di entrare in possesso delle isole dell’arcipelago maddalenino, con conseguente ingresso di diritto nella gestione del parco, dopo più di vent’anni dell’istituzione del PNALM. Venti anni di vincoli, limiti e costrizioni per il territorio maddalenino, dettati appunto dalle norme stringenti del parco. L’assenza di detti limiti”, ritengono invece i 5 consiglieri “ha consentito al territorio del Comune di Arzachena, una crescita abnorme, soprattutto in termini di strutture a servizio del turismo”.

Questa formula, sostengono ancora, “è tipica di chi vuole entrare dalla finestra quando è uscito dalla porta. Troppo comodo!”.

I 5 consiglieri dei 3 gruppi di minoranza che siedono in consiglio comunale esprimono inoltre la preoccupazioneche “il ‘temporaneo’ allineamento dei pianeti tra Regione e Amministrazione di Arzachena, attraverso la vicinanza di qualche assessore, non rappresenti l’occasione per una ghiotta manovra, fatta con destrezza, al fine di privarci delle nostre isole”.