Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Giugno 26, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Le Minoranze Consiliari chiedono un Consiglio Comunale per respingere le richieste di Arzachena su Mortorio, Soffi, Nibali, Cappuccini e Monaci

(di Claudio Ronchi)

“Leggiamo con preoccupazione sulla stampa, delle azioni messe in campo dall’amministrazione Arzachenese per riuscire a sottrarre alla comunità maddalenina, le sue isolette più belle e periferiche, nonché della convocazione di un tavolo regionale fra le due amministrazioni”. A scriverlo sono stati i consiglieri di Minoranza, Annalisa Gulino, Manila, Salvati, Alberto Mureddu, Rosanna Giudice e Giovanni Manconi.

“Chiediamo quindi una convocazione urgente di un Consiglio Comunale apposito. La titolarità del possesso, non è dato dall’essere fisicamente vicino ad un territorio. Sarebbe un principio pericoloso, potrebbe significare che chiunque possa prendere possesso della proprietà altrui, semplicemente perché si è confinanti”.

Per i 5 consiglieri di Minoranza, la vera ragione, oggi, è giocata su più livelli: una riguarda certamente la componente Parco Nazionale, nel quale si entrerebbe di diritto avendo una parte di territorio dentro il proprio comune. L’altra quella di accedere alla pianificazione di tutto l’arcipelago. A carte invertite sarebbe come se i maddalenini rivendicassero la “giurisdizione” su tutta Porto Cervo. Troppo comodo, dopo più di vent’anni dall’istituzione del PNALM, con i limiti previsti all’interno del territorio con i quali i maddalenini hanno dovuto fare i conti in termini di sviluppo turistico e di strutture, cercare di entrare dalla finestra senza che nessuno se ne accorga. Dopo la sanità e i trasporti sarebbe un ennesimo sfregio per questa comunità”.

Quindi un invito al sindaco, Fabio Lai,di fa conoscere, “con urgenza quale posizione intende assumere sull’argomento. Intendiamo rendere nota la nostra ferma opposizione a qualsiasi accordo che serva a far perdere la titolarità comunale su isole che sono sempre e storicamente appartenute a questa comunità”.