Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Settembre 25, 2022
CulturaNews

Santa Teresa Gallura. Vincono il Lungòni il maddalenino Guglielmo Padua e il bonifacino Jean Frederic Terrazzoni; un’edizione tutta al maschile, con una sola donna tra i 18 premiati

(di Claudio Ronchi)

È stato Guglielmo Vincenzo Padua, ad aggiudicarsi il primo premio nel Concorso di Poesia Gallurese e Corsa Lungòni. Padua, maddalenino di nascita e sassarese di residenza, si è aggiudicato il prestigioso riconoscimento, nella sezione gallurese, per la poesia “Cuntimplazioni”. A lui è andata anche la targa “Lu Communi di Lungòni”. Particolarità. La lirica di Guglielmo Pala è in isulanu (maddalenino), variante del gallurese.

La Sezione Corsa del premio se l’è invece aggiudicata, insieme alla Targa Jean Baptiste Stromboni, il poeta Jean Frederic Terrazzoni (di Bonifacio), con la poesia “Sola vìa”.

Il secondo posto, sempre della Sezione Corsa, è andato invece a Michel Solinas (di Pila Canale) per “Trent’unu”.

È appena il caso di sottolineare come i due vincitori del concorso di poesia siano di dichiara origine sardo-italiana.

Tornando alla Sezione Gallurese, il 2° premio è andato a Giovanni Piredda (di Calangianus) per “Piaia di lu me tempu”, mentre il 3° premio se lo è aggiudicato Giuseppe Tirotto, di Castelsardo, con “La caniola”.

Un altro poeta maddalenino ha avuto un importante riconoscimento, Domenico Battaglia, al quale, per la poesia “Gh’era un tempu”, è stata assegnata la Targa “Gianni Filigheddu”.

La Targa “Andrea Quiliquini”, per “A fianchi d’abba tarragna” è stata assegnata invece ad Andrea Columbano (di Olbia) mentre la Targa “Giulio Cossu”, è andata a Paolo Russu (di Olbia) per “Missadori”.

La giuria del premio Longoni, presieduta da Piero Bardanzellu, assegnato in oltre 8 menzioni Menzioni per: “Sidd’è … è un’equaziòni …”  a Gigi Angeli (Palau); per “Ambara” ad Angelo Contini (Arzachena); per “Notti e di’”, a Giovanni Maria Pala (Tempio Pausania); per “Mari inchiettu “ a Gianfranco Garrucciu (di Tempio); per “L’alta di’ “ ad Antonio Gavino Sotgia (noto Nuccio) di Luogosanto; per “L’omu illa so’ cadenti ‘etài” a Domenico Aurelio Columbano (noto Mimmo) di Arzachena; per “La Suppa Cuàta Gaddhuresa” a Lucia Rica Pirina (Olbia); per “Lamènti” a Giovanni Gavino Degortes di (Sedini).

Nella Sezione Giovani in Lingua Corsa non c’è stata alcuna aggiudicazione.

Per quella Giovani in Gallurese invece a vincere è stata … Badesi.

Primo premio infatti perLa ita”, a Giuseppe Secchi (Istituto Comprensivo di Badesi) mentre il 2° premio per “Badesi lu meu beddissimu paesi”  è andato a Gabriele Serra (sempre dell’Istituto Comprensivo di Badesi).

Le premiazioni si sono svolte sabato pomeriggio al teatro Nelson Mandela. Un’edizione tutta al maschile, con una sola donna, Lucia Rica Pirina di Olbia, tra i 18 premiati.

La cerimonia è stata arricchita dall’esibizione del Gruppo Folk Lungòni 1970, dalla collaborazione dell’associazione culturale Ventu d’Agliola e dall’intervento musicale del gruppo Populos di Putifigari.