Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Settembre 25, 2022
AttualitàNews

La Maddalena. Garantire il pranzo con la cena a chi ne ha bisogno

(di Claudio Ronchi) – Ben 4.350 kg di generi alimentari sono stati donati, sabato scorso, dai maddalenini, alla Cittadella della Carità, aperta in questa primavera passata, dalla Chiesa maddalenina, per venire incontro alle esigenze sempre più pressanti di coloro che, nella popolazione, soffrono maggiormente i disagi dovuti alla mancanza o al precario lavoro o a situazioni familiari o personali complicate e difficili.

Impegnate in questa raccolta alimentare sono state circa 30 persone che hanno donato a loro volta il loro tempo per questa nobile causa.

Importante, nell’operazione, è stato il contributo del Comitato delle Feste Patronali Classe ’71 e della Protezione Civile.

I punti di raccolta erano dislocati presso: Panificio Benatti, Supermercati Conad, Dettori via Principe Amedeo e Padule, Coop di via Balbo e Cala Chiesa, Nonna Isa, Md Santina Market, Miro Battaglia, Sa Buttega e Tatiana.

La raccolta del 2021 è stata leggermente inferiore rispetto all’ultima del 2019. Maddalenini meno generosi? Pensiamo di no; probabilmente, la chiave di lettura sta nel fatto che, rispetto a due anni fa, sia aumentato notevolmente il numero delle persone bisognose di aiuti alimentari e nel contempo (se tanto mi dà tanto) sia diminuito il numero di coloro che sono in condizioni di donare. L’aumento notevole del numero delle persone bisognose, assistite dalla Caritas dopo l’inizio della pandemia, era già stato messo in evidenza la scorsa primavera, in un’intervista a Gallura Informazione, dal viceparroco don Davide Mela (ora parroco di Viddalba), che nei 5 anni di permanenza nell’Arcipelago si è prodigato non poco in questo settore, e che è stato tra gli artefici della ristrutturazione e apertura della Cittadella della Carità.

“Grazie a tutte le persone che hanno contribuito con grande generosità a questa raccolta!” ha detto il parroco, don Andrea Domanski, informando che i generi alimentari donati “saranno a disposizione delle famiglie bisognose prima di Natale nella Cittadella della Carità in via Morosini”.

C’è comunque la possibilità di donare ancora, dice il parroco: si può infatti lasciare un buono spesa nei supermercati o negozi oppure si può portare una busta di spesa alla Cittadella di via Morosini.