Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Giugno 26, 2022
CulturaStoria

10 ANNI FA-LA MADDALENA. Quando Santa Barbara fu onorata da 800 tra militari e civili

Santa Barbara 2011; Don Gian Franco Pilotto, don Domenico Degortes, don Antonello Tomminello, don Albert Guevara

(di Claudio Ronchi)

Ad onorare Santa Barbara, patrona della Marina Militare, dei Vigili del Fuoco, dell’Artiglieria, del Genio, convennero il 4 dicembre del 2011 (10 anni fa), al teatro Primo Longobardo, circa 800 tra militari e civili.

Un imponente schieramento – nella massima parte alle dipendenze del comandante del Presidio e della Scuola Sottufficiali, capitano di vascello Franco Felicioni – che assistette alla Messa, presieduta dal parroco militare, don Gian Franco Pilotto (concelebrata con don Degortes e don Albert Guevara), alla consegna delle onorificenze e alle premiazioni dei tornei sportivi intitolati alla Santa Patrona. Diverse le autorità militari provinciali e locali presenti. Il Comune di La Maddalena era rappresentato dal vice sindaco, Michele Secci.

“Siamo qui per rinnovare il nostro impegno di essere uomini e donne che portano avanti un ideale alto e grande, di pace, di amicizia tra i popoli, ma anche di tutela e difesa del nostro paese” disse nell’omelia don Pilotto.

Santa Barbara è qui per ricordarci che essere cristiani vuol dire affrontare anche le sofferenze, i sacrifici, fino – se necessario – a prezzo della propria vita, come fate voi ogni giorno”.

Il vice sindaco Michele Secci e il comandante Franco Felicioni

“Tante sono le similitudini che rapportano la vita della Santa ai nostri giorni, al nostro quotidiano, al nostro essere uomini e donne, alla nostra scelta di essere marinai” affermò il comandante Franco Felicioni.

“Uomini e donne che fanno parte di una realtà difficile… difficile da comprendere, a volte difficile da vivere. Una realtà che, prigioniera di innumerevoli dinamiche, risulta spesso vacillare come una nave nella tempesta. Chi, meglio di Barbara – proseguì Felicioni – poteva essere scelta come faro per le nostre navi e le nostre coscienze, mentre navighiamo fra timori e gioie, paure e soddisfazioni! Che la Santa Patrona vegli sempre su tutti noi, e sia propizia per il futuro della Marina Militare, di tutti i marinai, in servizio e in congedo, del personale militare di altre FF.AA. che presta servizio presso la Marina, del personale civile e di tutti i nostri familiari”.

Alcuni Vigili del Fuoco presenti salutano il comandante Felicioni e il vice sindaco Secci
Gruppo di militari vincitori di uno dei tornei di Santa Barbara