Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Ottobre 1, 2022
CulturaStoria

40 ANNI FA-LA MADDALENA. E nacque la sezione di Italia Nostra

(di Claudio Ronchi) – Sulla scia della progressiva, positiva esigenza di sensibilizzazione ambientale e della preoccupazione per la presenza di sommergibili a propulsione nucleare Usa nell’isola di Santo Stefano (per la verità spesso strumentalizzata a fini politici), nel 1981 nasceva, quando era sindaco Romeo Armellini, la sezione maddalenina di Italia Nostra.

Artefice dell’iniziativa e per molti anni presidente fu la professoressa Giovanna Sotgiu che caratterizzò la sua azione, a volte anche fortemente critica e non sempre condivisibile (ad esempio Italia Nostra fu contraria alla realizzazione di un porto turistico a Ponente, nella zona Padule-Scoglio Baleno, che oggi sarebbe stato più che prezioso), sul fronte della sensibilizzazione, dell’importante e necessaria tutela dell’ambiente e della sua salvaguardia, soprattutto delle coste. Fu anche importante la ricerca e la valorizzazione operata, da Italia Nostra, oltre che sull’ambiente anche sulla cultura, la storia locale e il dialetto, con la pubblicazione di importantissime ricerche che sono alla base di tutti gli studi sul passato lontano e recente dell’Arcipelago (fino ad allora sostanzialmente fermi agli scritti di Garelli e di Baldacci).

A Giovanna Sotgiu, dimessasi nel 1993, con l’elezione a consigliere comunale ed assessore all’Ambiente e alla Cultura (sindaco Pasqualino Serra) subentrò alla presidenza Lucia Spanu (nella foto), fino ad allora vice presidente. Anche il mandato Spanu, tuttora in corso, è stato caratterizzato dall’ulteriore studio ed approfondimento, tramite anche pubblicazioni, della cultura e della storia locale, e fiore all’occhiello ne è stato e ne è (sebbene in questo periodo chiuso per problemi burocratici), il Museo del Mare realizzato a Stagnali, isola di Caprera, nei locali del Parco Nazionale, nel frattempo istituito.

Attualmente Lucia Spanu è anche consigliera d’amministrazione del Parco .

L’attuale gestione della sezione maddalenina di Italia Nostra dunque è fortemente caratterizzata da una sostanziale ‘simbiosi’ con l’ente statale istituzionalmente preposto alla tutela dell’ambiente, ‘simbiosi’ che tuttavia forse potrebbe condizionarla nella propria libertà di intervento.