Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Gennaio 28, 2022
AttualitàCulturaNews

Sinodo Diocesano, sta per arrivare il momento dei parroci e dei fedeli laici

(di Marilena Bruschi) – La tabella di marcia per la prima fase del Sinodo Diocesano di Tempio Ampurias 2021-2025 è già in movimento. La Commissione ed i Coordinatori si sono incontrati più volte per definire insieme i temi del Sinodo che saranno sottoposti alla riflessione e alla discussione delle diverse realtà ecclesiali  della nostra Chiesa diocesana (Parrocchie, Movimenti, Associazioni, Gruppi e Comunità Religiose) offrendo un metodo di lavoro da proporre e aiutando i responsabili delle stesse articolazioni ecclesiali ad individuare dei referenti sinodali per facilitare la comunicazione tra la Commissione stessa e la “base ecclesiale”.

Le quattro Foranie di S. Pietro Apostolo, San Simplicio, S. Maria Maddalena, S. Antonio Abate avranno la funzionedi mediare per la consegna dei materiali proposti dalla Commissione e formare i referenti sinodali, una o due persone di riferimento che assieme al parroco e al consiglio pastorale parrocchiale progettino il percorso e seguano il lavoro.

Per facilitare il dialogo nelle assemblee parrocchiali si sta predisponendo una scheda di lavoro per evidenziare gli aspetti positivi e far emergere le criticità ma soprattutto per raccontare con franchezza “la nostra esperienza di cristiani, il nostro rapporto con la Comunità e il nostro dialogo con la società intera”.

Un nodo importante del Sinodo è poter incontrare ed ascoltare tutte le realtà locali, cristiani e non cristiani, locali ed immigrati, persone fragili e famiglie isolate. Infatti il Sinodo pone una domanda fondamentale che fa da sfondo a tutti gli altri interrogativi che sollecitano la riflessione e la narrazione:

Come si realizza oggi, ai diversi livelli (da quello locale a quello universale) quel “camminare insieme” che permette alla Chiesa di annunciare il Vangelo secondo la missione che le è stata affidata; e quali passi lo Spirito ci invita a compiere per crescere come Chiesa Sinodale?