Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Dicembre 4, 2021
uogosanto. Esondazione rio Cialdineddu (foto tratta dalla pagina facebook del sindaco Agostino Pirredda)
AttualitàNews

Luogosanto. La Giunta ha dichiarato lo stato di calamità naturale

Luogosanto. Esondazione rio Cialdineddu (foto tratta dalla pagina facebook del sindaco Agostino Pirredda)

(di Claudio Ronchi) – Mercoledì 10 novembre scorso, ci sono state nel territorio di Luogosanto, piogge incessanti ed abbondanti, tanto che il sindaco Agostino Pirredda ha dovuto convocare il COC, facendo pattugliare il territorio comunale. Quel giorno – è scritto nella delibera di giunta n.63, “è stata riscontrata una situazione di elevata pericolosità idraulica a causa dell’ingrossamento di vari argini e l’esondazione di altri”, per cui il sindaco emesso ordinanza con la quale è stata disposta la chiusura  temporanea dei plessi scolastici comunali di ogni ordine e grado, il divieto alla  circolazione con ogni automezzo nelle località La Prugna, Strada di L’Alcu (da Frazione Lu  Mocu a Strada SS 133) e lungo l’argine del Rio Cialdineddu.

A causa dell’evento – è scritto in delibera – sono già stati riscontrati diversi danni sul territorio, come dilavamenti dei fondi stradali in vari tratti rurali interessati dalla presenza di popolazione residente, cedimenti di tubolari di scolo acque con conseguente interruzione della circolazione in Loc. La Prugna, crollo parziale di un muro in proprietà comunale in Via Rione San Paolo”.

Detto ciò, “considerato che i gravi danni subiti, senza un intervento di sostegno straordinario, aggraverebbero lo stato di crisi, con gravi risvolti economico e sociali, essendo i luoghi colpiti a destinazione prettamente agricola e zootecnica”, la Giunta Comunale “ha dichiarato lo stato di emergenza e di calamità naturale”, dando mandato al sindaco di trasmettere l’atto alla Regione e alle altre istituzioni competenti “affinché procedano ad un intervento urgente ed immediato con trasferimento di risorse per fronteggiare la situazione d’emergenza”.