Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Maggio 26, 2022
nadia matta
AttualitàNews

Santa Teresa Gallura. Nadia Matta: Non abbiamo trovato nessun tesoretto ma cause e soldi non riscossi; gli altri, a quest’ora avevano già le prime dimissioni

nadia matta

(di Claudio Ronchi) – Non è stata tenera ieri, la sindaca Nadia Matta, nei confronti della precedente Amministrazione, in parte rappresentata da alcuni attuali consiglieri di Minoranza, stilando un breve bilancio del primo anno della sua Amministrazione, “un anno fondamentale”, ha detto, “che ci ha permesso di conoscere la complessa macchina amministrativa e di mettere basi solide per il futuro. Ci ha permesso anche di conoscere tutte le criticità e le problematiche incancrenite da anni, che devono essere assolutamente risolte se si vuole dare una svolta”.

Una situazione finanziaria, ha proseguito la sindaca, “con la quale dobbiamo fare i conti: nessun tesoretto trovato; un mutuo contratto di 2 milioni di euro; alcune cause in corso, come quella dell’Esit e quella della Scuola dell’Infanzia di Porto pozzo, che potrebbero compromettere l’assesto; 6 milioni di euro da riscuotere per i quali non è mai stata individuata una strategia per farli rientrare nelle case comunali. Purtroppo le entrate ordinarie sono sufficienti solo per le spese correnti”.

Se dunque l’Amministrazione Matta vuol tener fede agli impegni programmatici, “che sono quelli di intervenire sul territorio attraverso infrastrutture e opere pubbliche, più servizi di sostegno all’ambiente e allo sviluppo, dobbiamo trovare le risorse dall’esterno. E soprattutto dobbiamo utilizzare le nostre risorse, con maggior attenzione e minori sprechi, e quindi con maggiore efficienza rispetto a quanto fatto fino adesso”.

Terminando la parte politica dell’intervento, la sindaca ha voluto ancora calcare la mano: “Tornando indietro, alle amministrazioni passate”, ha affermato, “in questo periodo vi erano già i primi dissapori e già si provvedeva alla surroga di qualche consigliere o assessore dimissionario!”.