Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Maggio 24, 2022
Foto Antonella Gaio
BreviNews

La Maddalena. Parco Nazionale: Continua il monitoraggio degli uccelli marini coloniali

Foto Antonella Gaio

(di Claudio Ronchi) – Continua il monitoraggio degli uccelli marini coloniali del Parco Nazionale. L’Ente di via Giulio Cesare ha, infatti, aderito al programma di monitoraggio dell’avifauna nell’ambito della Strategia Marina (Direttiva 2008/56/CE) in collaborazione con ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), con il quale ha sottoscritto apposita Convenzione, finanziata da entrambe le parti.
Obiettivo generale del programma è quello di monitorare un gruppo di specie – Berta maggiore, Berta minore, Marangone dal ciuffo e Gabbiano corso – strettamente legate all’ambiente marino. 

A proposito di Berta minore, elegante uccello marino dal ventre biancastro e dal dorso nero, che si nutre quasi esclusivamente di pesci, nel marzo 2021, dopo oltre cinquant’anni (si erano perse le tracce dal lontano 1968), se ne scoprì, nell’Arcipelago, una colonia.

Per ovvi motivi non fu precisato dove venne trovata la colonia, probabilmente in una zona rocciosa, forse un’isola minore o un isolotto.

Gli studiosi ritengono che nel Mediterraneo vivano non più di 10.000 copie di Berta minore tra Grecia, Croazia, Turchia, Albania Malta, Baleari e coste spagnole e Corsica. Ora si sa che è di nuovo presente anche a La Maddalena.

Anche l’Arcipelago di La Maddalena si aggiunge alle altre 26 isole italiane che risultano ospitare questa preziosa specie endemica del Mediterraneo centro-orientale, di cui oltre metà della popolazione mondiale risiede nel nostro Paese”, scriveva il Parco nel marzo di quest’anno.

Un uccello marino non particolarmente prolifero, la Berta minore; si pensi che la femmina depone normalmente un solo uovo.