Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Dicembre 4, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Dall’Opposizione chiedono di intervenire in materia di usi civici

Alberto Mureddu

La Maddalena. Dall’Opposizione chiedono di intervenire in materia di usi civici.

(di Claudio Ronchi) – Cinque consiglieri d’Opposizione – primo firmatario Alberto Mureddu, con i colleghi Gulino, Salvati, Giudice e Manconi – hanno depositato agli atti, nell’ultima riunione di Consiglio Comunale, un’interrogazione nella quale si chiede all’Amministrazione Lai “quali iniziative siano state assunte a livello regionale perché vengono inseriti nell’elenco degli usi civici, gli usi che i maddalenini hanno fatto sul territorio (mare compreso) e che giustamente rivendicano di voler continuare a fare”. Le Opposizioni chiedono che l’argomento sia inserito all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Come è noto a legiferare in materia di usi civici è la Regione che ha competenza anche su La Maddalena, nel senso che il suo territorio è compreso al 100% in quello del Parco Nazionale che ha, al proprio interno, zone sottoposte a diverse discipline e limitazioni anche importanti, a volte in contrasto con veri o presunti diritti di usi civici.

Come ad esempio sulla questione della discesa a Cala Coticcio, ricadente in zona TA, ovvero di massima tutela, dove “i cittadini maddalenini non possono scendervi a piedi se non accompagnati da una guida”. Su questo argomento quest’estate si è aperta una forte polemica, rivendicando da alcuni, per sentiero, l’uso civico.

In effetti il cosiddetto uso civico non è solo la facoltà d’uso, di utilizzo, esercitata da lungo tempo anche immemorabile da parte di alcune popolazioni su tratti di terra o di mare ma per essere tale, giuridicamente valido, deve essere riconosciuto dalla Regione Sardegna su segnalazione e richiesta da parte Comune.

Nell’Inventario delle Terre Civiche della Regione Sardegna ricadenti nel Comune di La Maddalena – che abbiamo avuto la possibilità di consultare, salvo altri inventari più completi e aggiornati, al momento non di nostra conoscenza – ne risultano esattamente 50, tutte risalenti al Decreto di Accertamento n. 280 del 31 marzo 1942.

Tra questi non risulta il sentiero di Cala Coticcio, a Caprera. Come non risultano altre zone che in base a una certa confusione che, specialmente negli ultimi anni, sull’argomento, si è ingenerata, si ritengono beneficiarie di uso civico.

Sarà interessante l’approfondimento dell’argomento, quando sarà discusso in Consiglio Comunale, e le decisioni che verranno assunte in termini di individuazioni di zone di uso civico che poi siano oggetto di richiesta di riconoscimento da parte del Comune alla Regione Sardegna.