Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Dicembre 4, 2021
BreviNews

La Maddalena. Positiva l’esperienza Scuola-Lavoro del Nautico che ha collaborato alle regate inclusive organizzate da “Acque Libere”

(di Claudio Ronchi) – Scoprire la “Barca a vela inclusiva” dell’Associazione “Acque Libere” di La Maddalena, significa vivere un’esperienza che resta nel cuore e nella mente. Così è successo a noi del Nautico di La Maddalena, un Istituto di istruzione in prima linea nei progetti educativi, che vedono nella didattica inclusiva una possibile risposta alle nuove sfide che la scuola si trova oggi a dover affrontare”. A scriverlo è Rita Bortot, docente dell’IIS.G. Garibaldi, pochi giorni dopo la Regata Nazionale Open della Classe 2.4mR e il Trofeo Carpaneda, svoltesi nell’Arcipelago-Parco.

Il dirigente scolastico, Stefano Satta, a suo tempo accolse positivamente l’invito di Acque Libere, inquadrabile nell’offerta formativa Scuola-Lavoro, che ha visto gli studenti impegnati in attività marinaresche legate alla vela, con imbarcazioni adatte sia per i normodotati che per i diversamente abili.

“Le principali attività che hanno visto protagonisti i nostri studenti, unitamente al personale dell’Associazione”, scrive la prof.ssa Bortot, “si sono svolte sulle barche, aiutando i velisti con disabilità nell’accesso all’imbarcazione, nella velatura, nella posizione dei timoni; nei gommoni dei volontari dell’associazione aiutandoli nell’allestimento delle boe per la gara; così come, nel gozzo della giuria, nell’assistenza delle competenze più semplici, relative alla

rilevazione del percorso di gara. Inoltre, gli operatori hanno dato un contributo ‘fondamentale’ nel fornire a tutti i partecipanti alla regata le vettovaglie, panini, bibite e dolcetti, molti dei quali preparati con maestria dalle pasticcerie dell’Isola”.

Alla fine di questa esperienza si può tirare “un bilancio positivo per i nostri studenti”, conclude l’insegnante, “che hanno avuto l’opportunità di vivere ‘direttamente’ il mare e provare un’esperienza di regata inclusiva con i più bei nomi della vela 2.4, tra cui il grande atleta e campione Antonio Squizzato”.