Archivi

redazione@gallurainformazione.it
lunedì, Novembre 29, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Controlli e sanzioni della Guardia Costiera nelle acque del Parco Nazionale

Michele Esposito

(di Claudio Ronchi) – È imponente in questo mese di luglio la presenza turistica nelle isole dell’Arcipelago-Parco di La Maddalena, dalle più grandi alle più piccole, da quelle più vicine al centro abitato a quelle più lontane.

Nelle attività tendenti a far rispettare leggi e regolamenti ci sono in campo le forze dell’ordine. È di qualche giorno fa il clamoroso blitz della Guardia di Finanza di La Maddalena che, nel pregiatissimo e sottoposto a vincoli isolotto di Mortorio, ha fatto smantellare sedie, sdraio, ombrelloni e un campo da beach volley.

La Capitaneria di Porto, dal canto suo, ieri ha dato informazione che dall’inizio della stagione estiva ha contestato, attraverso i propri militari, sanzioni amministrative per un importo complessivo pari ad oltre 60mila euro, elevando complessivamente oltre 70 verbali. Gli interventi hanno riguardato il noleggio abusivo esercitato sotto diverse forme (a discapito degli operatori regolarmente autorizzati e della sicurezza), la non osservanza delle norme relative al numero di passeggeri, la mancanza di autorizzazioni da parte del Parco Nazionale.

 “A me arrivano 20-30 foto al giorno che mi segnalano violazioni varie e cafonaggini”, afferma Michele Esposito (nella foto), consigliere d’amministrazione del Parco. “Come Ente, sebbene con personale limitato, vengono effettuati monitoraggi e controlli ma non abbiamo potere sanzionatorio per cui anche il nostro personale, che svolge funzioni di informazione e dissuasione, deve fare le segnalazioni alle forze dell’ordine e non sempre queste riescono ad intervenire”.

Pochi giorni fa il Parco Nazionale ha fatto appello ai cittadini per una vigilanza attiva e la segnalazione alle forze dell’ordine delle violazioni.

Le attività di controllo, svolte sia in mare che a terra, si intensificheranno nei prossimi giorni e settimane, anche in concomitanza con il periodo più intenso della stagione estiva.