Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Settembre 17, 2021
AttualitàCulturaNews

La Maddalena. Greco: Oggi vince l’umanità della Chiesa e la sensibilità dell’Amministrazione Comunale

(di Claudio Ronchi) – Era emozionato e quasi commosso il delegato ai Servizi Sociali, Adriano Greco (nella foto di Gallura Informazione), qualche giorno fa, quando ha preso la parola dopo il parroco, il vescovo e il sindaco, in occasione dell’apertura, a Due Strade, della Cittadella della Carità. “Oggi penso che a La Maddalena vinca il sociale, l’umanità della Chiesa e la sensibilità dell’Amministrazione Comunale”, ha affermato.

“Questo progetto, molto ambizioso lo abbiamo sposato subito. Ci abbiamo creduto tanto. Noi siamo molto sensibili a queste problematiche anche perché il coronavirus ha lasciato degli strascichi e quindi stiamo cercando, in una sorta di collaborazione con la Chiesa, iniziata nel momento in cui ci siamo insediati, di cercare di chiudere il cerchio con quest’inaugurazione e con quella della Mensa Civica”.

Sì, perché nel progetto di realizzazione del Polo Caritativo-Assistenziale che, quasi in simbiosi, vede Chiesa e Comune lavorare per chi ne ha bisogno, c’è anche quello dello spostamento della Mensa Civica, aperta dal suo predecessore Romeo Milani, ai tempi dell’amministrazione del sindaco Pasqualino Serra, nel seminterrato del Palazzo Scolastico-Istituto Comprensivo di via Carducci proprio lì a Due Strade. A tal fine la Parrocchia ha già riservato al Comune due stanzoni attigui alla chiesa.

L’apertura della Cittadella della Carità, come è già stato sottolineato, nasce dalla collaborazione tra il parroco don Andrea Domanski e il sindaco Fabio Lai (un impegno partito con l’amministrazione Montella) e quello del delegato ai Servizi Sociali, Adriano Greco (impegno amministrativo senza retribuzione), col viceparroco Davide Mela (da qualche settimana parroco di Viddalba dove è stato trasferito); un legame di collaborazione questo che si è rafforzato attraverso l’impegno di Greco nella Caritas, soprattutto durante i mesi più cupi, duri e difficili della pandemia.