Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Agosto 5, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Le minoranze al sindaco: Serve combattere, battere i pugni, pretendere che le norme disattese vengano applicate

(di Claudio Ronchi) – “Noi vogliamo il confronto con chi ci ha scippato ciò che ci spetta, con chi fa le passerelle e ci racconta fandonie. Trovino la soluzione al problema, questo ci aspettiamo dalla politica, da chi ne ha la competenza”.  Così i consiglieri di Opposizione, Giudice, Gulino, Salvati e Mureddu sul problema ospedale Paolo Merlo, i suoi ridimensionamenti e le sue chiusure, l’ultima delle quali quella del reparto di Medicina.

“La battaglia politica sta all’amministrazione comunale, che la faccia davvero, con la forza di chi ha la ragione dalla sua per il bene dei propri concittadini”.

Poi proseguono i quattro consiglieri: “Serve combattere, battere i pugni, pretendere che le norme disattese vengano applicate, l’insularità dovrebbe rappresentare un valore aggiunto, non una penalità. Serve il coraggio di dire Basta, serve il coraggio di dire NO! Se l’azione del Sindaco andrà in questa direzione, noi consiglieri di opposizione gli saremo affianco. Diversamente sarete complici di un assassinio premeditato, quello del Paolo Merlo”.

I gruppi che fanno capo a Rosanna Giudice e Annalisa Gulino hanno quindi rinnovato la richiesta di un Consiglio Comunale straordinario, urgente e aperto alla presenza del Presidente della Regione Solinas, dell’assessore Nieddu, dei vertici dell’ATS, con la partecipazione delle associazioni che lottano tutti i giorni per il Paolo Merlo ed i rappresentanti degli operatori sanitari locali.