Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Agosto 5, 2021
AttualitàNews

Palau. Il sindaco vieterà, nelle ore serali e notturne, la vendita per asporto di bevande: troppi bivacchi e spazzatura

(di Claudio Ronchi) – C’è un’ordinanza, la n. 6, del sindaco Franco Manna che, dal prossimo 1° luglio vieterà dalle ore 22:30 alle ore 6:00 del giorno successivo:

La vendita per asporto, di qualsiasi tipo di bevande, anche alcoliche, da parte di:  attività di somministrazione di alimenti e bevande, autorizzate anche in forma temporanea; circoli privati; distributori automatici; attività artigianali autorizzate alla vendita di bevande, esercizi commerciali: operatori del commercio su area pubblica; tutte le forme speciali di commercio in genere che consentano la vendita di bevande.

Dal 1° luglio vigerà anche il divieto di consumare su suolo pubblico bevande di qualsiasi natura, fatto salvo l’utilizzo delle stesse all’interno dei locali e nelle pertinenze esterne autorizzate degli esercizi di somministrazione di bevande.

Divieto anche di abbandono, in qualsiasi orario, nelle aree pubbliche, di contenitori di vetro, di metallo, di plastica o di altra natura da parte di chiunque.

Il sindaco Manna ha motivato questo provvedimento col fatto che, specie nelle ore serali o notturne; “sì è constatato che, particolarmente con l’avvio del periodo estivo, nelle zone del centro urbano, aumenta l’uso di bevande da parte di persone che poi si soffermano nelle piazze e nelle vie, riscontrando, nelle ore serali, l’abbandono dei contenitori, bottiglie e bicchieri, su suolo pubblico”.

Molteplici, prosegue l’ordinanza, “sono le segnalazioni inoltrate ai settori ambiente e vigilanza, da parte di residenti che trovano nelle adiacenze delle loro abitazioni cumuli di bottiglie e bicchieri, spesso ridotti in cocci, estremamente pericolosi”.

Inoltre, il gestore del servizio di raccolta rifiuti “ha evidenziato, sia in maniera informale che con specifiche segnalazioni, la situazione di degrado dovuto al rinvenimento, su strade e piazze, di bottiglie e bicchieri abbandonati”.