Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Luglio 23, 2021
BreviNews

Santa Teresa Gallura. È iniziato a maggio e terminerà ad ottobre il monitoraggio dello stato di salute del mare

(di Claudio Ronchi) – Tra le iniziative in atto per salvaguardare il mare e le coste teresine, ragione primaria di un turismo che è più che mai indispensabile e vitale per l’economia e l’occupazione della popolazione, c’è quello relativo al monitoraggio, ad anno zero, per verificare lo stato di salute del mare e delle coste appunto. Ne ha dato informazioni, nell’ultima seduta di Consiglio Comunale, Sandro Villani, consigliere delegato all’Area Marina Protetta di Capo Testa-Punta Falcone.

Dal mese scorso di maggio la biologa Stefania Pinna, la naturalista Stefania Pisanu e l’ornitologo tecnico faunista Danilo Pisu, stanno monitorando gli habitat e le specie di importanza Comunitaria indicati nelle direttive europee Habitat e Uccelli.

Questa ricognizione – ha detto il delegato Villani – ci consente di scattare una fotografia del momento, evidenziando le risorse presenti nell’Area Marina Protetta al momento dell’istituzione, ed è fondamentale per capire dove e soprattutto come intervenire per la salvaguardia di questi habitat”.

Verranno monitorati sino al mese di ottobre “gli habitat marini e terrestri, le specie botaniche e faunistiche presenti, sia nel territorio dell’Area SIC che della AMP”. Contestualmente viene portato avanti il sistema di informazione geografica noto come GIS, che servirà a infrastrutturale un sistema di archivio e mappatura del territorio, delle specie botaniche e faunistiche presenti nell’AMP, delle concessioni demaniali eccetera.