Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Giugno 22, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Il centro storico “pass” per essere ammessi al club “I Borghi più belli d’Italia”.

(di Claudio Ronchi) –  “Il centro storico del Comune di La Maddalena non supera la presenza di duemila abitanti, e può considerarsi uno degli insediamenti di maggior pregio della zona”; con questo biglietto da visita o “pass”, relativo ad un centro storico particolare ed apprezzabile per la qualità urbanistica e architettonica comunque finora  sostanzialmente conservata, il Consiglio Comunale, su proposta dell’assessore alla Cultura, Gianvincenzo Belli, ha autorizzato la Giunta ad avanzare la richiesta di ammissione di La Maddalena al Club denominato “I Borghi più belli d’Italia”.

A votare favorevolmente sono stati maggioranza e minoranza (tranne il consigliere Alberto Mureddu). “I Borghi più belli d’Italia” riunisce e collega in un circuito turistico di qualità i Comuni che ne fanno parte e che ricevono il diritto di utilizzare, previa certificazione, tale denominazione ed il relativo marchio figurativo.

Il Club “I Borghi più belli d’Italia”, tra l’altro, diffonde, presso l’opinione pubblica nazionale ed internazionale, la conoscenza delle bellezze della provincia italiana; contribuisce a definire un “marchio” di originalità ed armonia su cui edificare, per italiani e stranieri, nuove opportunità di offerta turistica ed attraverso le quali partecipare successivamente alle attività di analoghe esperienze internazionali; valorizza e promuove le produzioni tipiche locali; si attiva per sostenere il progetto dell’Anci “Res Tipica”, al fine di tutelare l’economia, nonché l’identità storica e culturale dei Comuni italiani.

I vantaggi che possono derivare al Comune dall’adesione al “Club”, sono sia in termini di promozione del territorio, che di opportunità di commercializzazione dell’offerta turistica locale, oltre che delle produzioni tipiche dell’agricoltura e dell’artigianato, con prevedibili riflessi positivi sull’intera economia e sull’occupazione.