Archivi

redazione@gallurainformazione.it
mercoledì, Settembre 29, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Don Davide Mela: non a me donate ma ai bisognosi

(di Claudio Ronchi – Domenica prossima 13 giugno, alle 11:00, in Santa Maria Maddalena, don Davide Mela, vicario cooperatore dell’Unità Pastorale di Santa Maria Maddalena e Agonia di Nostro Signore Gesù Cristo di Moneta, saluterà con una Messa solenne i fedeli delle due parrocchie cittadine.  Nelle scorse settimane il vescovo Sanguinetti lo ha nominato parroco di Viddalba.

Prevedendo ciò che di consueto viene fatto dei parrocchiali nei confronti di un sacerdote in partenza, specialmente a quelli che si sono fatti apprezzare e sono ben voluti bene e stimati, cioè una raccolta di fondi per l’acquisto di uno o più doni da consegnargli, al momento della partenza, don Davide ha chiesto già da qualche giorno che invece, ricorrendo proprio in quella Dominica la memoria di Sant’Antonio da Padova, Santo della carità, si faccia una raccolta alimentare, come del resto organizzato insieme al parroco di questi tempi di pandemia, raccolta “che sarà tutta destinata dalla Cittadella della Carità che presto sarà aperta”. I viveri o i prodotti potranno essere portati nelle due chiese parrocchiali e lasciati dell’altare oppure lasciati direttamente nei negozi supermercati.

Don Davide, che in questi 5 anni di presenza nell’Arcipelago, si è occupato oltre che degli oratori e del catechismo anche e soprattutto delle Caritas, andrà via senza che proprio la Cittadella della Carità, alla realizzazione della quale ha molto lavorato in questo periodo, possa essere inaugurata. Ci sono ancora delle questioni da risolvere e ci vorrà del tempo ma, ha assicurato il parroco don Andrea, “sicuramente tornerà per l’inaugurazione”.

Nei giorni scorsi si sono riuniti i consigli pastorali delle due parrocchie cittadine che hanno salutato il vicario partenza e da tutto il benvenuto a quello in arrivo, don Mauro Caldaras. Don Davide Mela è membro del Consiglio Presbiterale Diocesano e assistente diocesano dell’Azione Cattolica Ragazzi.