Archivi

redazione@gallurainformazione.it
mercoledì, Giugno 23, 2021
AttualitàCulturaNews

Santa Teresa Gallura. L’Europa chiede le Zone Speciali di Conservazione per proteggere i delfini

(di Claudio Ronchi) – Mercoledì 26 maggio scorso, era prevista la presentazione a Bruxelles, da parte del Governo Italiano, delle proposte di individuazione delle Zone Speciali di Conservazione (ZSC)-Direttiva Habitat, in risposta alla Procedura di Infrazione inviata a suo tempo dall’Europa, relativa alla modifica del perimetro e delle misure per la conservazione del tursiope (delfino). Misure che vanno ad aggiungersi a quelle già approvate a suo tempo per l’Area Marina Protetta di Capo Testa-Punta Falcone.

L’ampliamento, previsto dalla Regione Sardegna, come si può vedere nella cartina pubblicata in copertina (si tratta della parte scura a mare), è notevole, e si protende da Capo Testa a Isola Rossa, verso il limite delle acque territoriali.

Ma di che cosa si tratta esattamente? A leggere nelle schede, le misure, che sono volte alla conservazione del tursiope (delfino), sono volte alla riduzione del disturbo antropico; a proteggere ripristinare gli ecosistemi marini e di diversità; a ridurre l’emissione di sostanze inquinanti o gas a effetto serra ed aumentare l’efficienza energetica dei pescherecci; ad aumentare la consapevolezza dei pescatori affinché gli stessi siano coinvolti nella protezione e nel ripristino della biodiversità; a ridurre la conflittualità tra pescatori e Tursiops in relazione alle interazioni con le attività di pesca; ad incrementare la consapevolezza dei pescatori affinché gli stessi siano coinvolti nella protezione nel ripristino della biodiversità marina.

Sono previsti però anche finanziamenti e incentivi, alcuni dei quali andiamo ad elencare: incentivi per il risarcimento dei danni alle catture causate dai Tursiopi; sostegno per la sostituzione o l’ammodernamento di motori principali o ausiliari e di pescherecci con motori a basso impatto ambientale; incentivi per la conversione degli operatori della pesca professionale verso attività alternative quali pesca turismo e hippy turismo o e verso sistemi di pesca maggiormente sostenibili; incentivi per sistemi che proteggono detriti e cattura dei Tursiopi (delfini); regolamentazione delle attività di dolphin whatching.