Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Luglio 29, 2021
CulturaNewsStoria

(4) ARCIPELAGO DI LA MADDALENA. CALDO E FREDDO, SPOPOLAMENTO E POPOLAMENTO NELLA STORIA

di CLAUDIO RONCHI – (4) Abbiamo visto nelle puntate precedenti cheprima del 1200 ci fu un lungo periodo di caldo, che fu forte a Sud del Mediterraneo. Di conseguenza, nel Nord Africa, si ebbero arretramento dell’agricoltura e condizioni di vita complessive piuttosto difficili per le popolazioni, tali da giustificare (contestualmente a motivazioni religiose legate ai tentativi di islamizzazione) non migrazioni di massa, ma spedizioni e raid verso terre più fertili e popolazioni in migliori condizioni di vita, per garantire a chi lì rimaneva, la sopravvivenza.Le scorrerie ed i tentativi d’occupazione della Sardegna, da parte del feroce Muscetto, lo confermano.

Furono diversi gli scontri a terra e con la flotta pisana, appoggiata dai combattenti sardi dei Giudicati. Uno degli scontri si verificò nel 1013 (terribile fu quello dell’anno prima all’Asinara con la partecipazione complessiva di oltre 200 navi), nelle acque a Nord di La Maddalena, che per lungo tempo fu presidiata dalle navi islamiche.

A partire più o meno dal 1200, in Europa e nella Penisola si verificò una nuova ondata di freddo. Gli annali riportano che nel 1216 e nel 1234 tutto il fiume Po gelò, e che per qualche tempo tutta la laguna veneta rimase attanagliata dal ghiaccio. Nel 1303 anche il fiume Arno ghiacciò.

Il rigore degli inverni, il vento, le piogge continue ed insistenti determinarono, più volte e per diversi anni, la mancanza di raccolti nei campi; ciò produsse carestie, nell’Italia centrale e soprattutto in quella settentrionale, che dovettero spingere i governanti dell’epoca ed i mercanti di quelle regioni ad allargare la loro sfera d’influenza politica e i loro rapporti commerciali e di sfruttamento verso le regioni più meridionali, dove i climi tutto sommato erano migliori; nel nostro caso, verso la Sardegna.

Le sconfitte militari, la presenza delle flotte delle Repubbliche Marinare di Genova e Pisa soprattutto, e il clima più tiepido a Sud del Mediterraneo chetarono (più o meno) le incursioni barbaresche. Il ripopolamento della costa della Gallura e dell’Arcipelago di La Maddalena riprese.

Non a caso nel 1243 abbiamo il primo documento scritto che attesta la presenza dell’uomo nelle nostre Isole delle Bocche di Bonifacio.  (4 – continua)