Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Maggio 7, 2021
CulturaNews

La Maddalena. Don Davide Mela trasferito a Viddalba; arriverà don Caldaras

(di Claudio Ronchi) – Con proprio decreto, il vescovo Sanguinetti ha disposto oggi il trasferimento di don Davide Mela a Viddalba, dove farà il parroco. Al suo posto giungerà don Mauro Caldaras, novello sacerdote.

Uno dei motivi per i quali don Andrea Domanski aveva accettato di assumere l’incarico, oltre a quello di parroco di Moneta, anche della più complessa e articolata parrocchia di Santa Maria Maddalena, era stato proprio il fatto di poter contare non solo sull’amicizia ma anche sulla già collaudata collaborazione di don Davide Mela, il quale gli avrebbe fatto da vice nelle due parrocchie cittadine. A lui, oltre alle altre incombenze, affidò l’incarico di far funzionare l’oratorio di via Balbo, di curare tutta la catechesi di bambini e ragazzi e di coordinare le Caritas cittadine. Un lavoro quest’ultimo particolarmente prezioso in questi tempi di pandemia, svolgendo oltretutto un ruolo molto importante nella realizzazione della Cittadella della Carità, di prossima apertura a Due Strade.

Ora, la decisione del vescovo Sanguinetti di trasferire don Davide, sebbene promuovendolo parroco, a Viddalba. Dovrà dunque lasciare la comunità isolana, nella quale si era brillantemente inserito, riscuotendo stima e apprezzamenti.

“A don Davide esprimo, a nome di tutta la comunità, gratitudine per il prezioso servizio svolto negli ultimi 5 anni”, ha scritto don Andrea.

Cari amici, il Signore attraverso il Vescovo mi invita a seguirlo e a servirlo in un’altra comunità. Grazie per ciò che è stato… Eccomi per ciò che sarà! Mi affido alle vostre preghiere!”, ha scritto a sua volta don Davide.

Il suo trasferimento dovrebbe avvenire nel mese di giugno. Da fine maggio dovrebbe cominciare a prendere i primi contatti con l’Arcipelago il nuovo viceparroco, di fresca ordinazione sacerdotale, don Mauro Caldaras, di Luogosanto, al quale, don Andrea ha dato “il benvenuto”, augurandogli “un proficuo servizio sacerdotale nella nostra isola”.