Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Aprile 13, 2021
AttualitàNews

Santa Teresa Gallura. Servizi comunali che costeranno all’utente il 24% (mediamente) del loro costo effettivo

(di Claudio Ronchi) – Per il servizio di nettezza urbana i comuni, per legge, sono costretti ad incassare dagli utenti, tramite la Tari, un importo pari al costo del servizio medesimo. Così come per la scuola civica di musica per la quale il Comune di Santa Teresa spenderà circa 63.000 euro, cifra che al 100% dovrà rientrare dalle quote pagate dai partecipanti.

Per altri servizi, invece, la legge consente una differenza anche piuttosto marcata tra il costo del servizio stesso per il Comune e gli incassi che giungeranno dagli utenti. E’ il caso di alcuni servizi di carattere sociale che, viva Iddio, vengono ancora coperti per la gran parte da rimesse statali o da fondi del bilancio comunale.

Come ad esempio il servizio di mensa scolastica, del quale usufruiscono tanti giovani teresini per il quale, a fronte di una spesa prevista, nell’anno in corso, di 155.000 euro, i genitori degli utenti pagheranno un importo complessivo di 18.000 euro, con una copertura del costo del servizio pari a meno del 12%.

Un altro servizio fornito da uno Stato che per molti versi è ancora “sociale”, è quello dell’assistenza domiciliare e scolastica. In questo caso la spesa prevista è di circa 194.000 euro mentre gli utenti dovranno pagare fino a un massimo di 26. 000 complessivi (coprendo solo il 13%, o poco più del servizio). Praticamente gratuito per gli utenti è il servizio di trasporto scolastico per il quale il Comune a fronte di soli 2.000 euro di incasso ne sborserà 145.000.

Per il Centro di Aggregazione Sociale e Informa Giovani, gli utenti pagheranno rette per un totale di 26.000 euro a fronte di 66.000 che costeranno al Comune, mentre per progetti per i Servizi per Minori (per l’estate, e altre attività fino a 11 anni) che costeranno, è la previsione, 125.000 euro, se ne incasseranno non oltre 50.000.

Questi servizi comunali costeranno all’utente mediamente solo il 24,73% (differenziato però per ciascuno sulla base del reddito ISEE) del loro costo effettivo. Il Comune, a fronte di una spesa complessiva di 747.655 euro, prevede di incassarne 184.929.