Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Febbraio 28, 2021
AttualitàCulturaNews

La Maddalena. Ricorrenza del Santo Bambino di Praga: a Due Strade, Messa tra “intimi” e senza festa.

(di Claudio Ronchi) – A causa della pandemia, domenica 31 gennaio, la festa del Santo Bambino di Praga, patrono del rione di Due Strade, quest’anno si svolgerà in maniera molto sobria, non solo dal punto di vista dei festeggiamenti civili ma anche da quello religioso. Niente Messa pomeridiana, in genere con la presenza di un sacerdote giunto appositamente per celebrarla, e niente Processione col simulacro portato in spalla per le vie del quartiere. La Messa, preceduta alle 8:00 del mattino dalle Lodi, sarà celebrata subito dopo, e per questioni sanitarie vi potranno presenziare al massimo 43 persone. La chiesa comunque rimarrà aperta fino a mezzogiorno, ha detto il parroco don Andrea Domanski,“per i fedeli che vorranno venerare Gesù bambino di Praga”. Non ci sarà nemmeno ovviamente, il tradizionale momento ricreativo nella sala oratoriale.

La chiesa di Due Strade fu consacrata nel 1933 dal vescovo Albino Morera. Sarebbe dovuta diventare di lì a poco parrocchia anche in considerazione del fatto che vi avrebbe collaborato il cappellano militare e sarebbe stata anche punto di riferimento per i militari stessi. Le circostanze storiche non consentirono ciò.

Negli anni sono stati destinati a curare quella chiesa e quella comunità, don Giuseppe Riva, don Antonio Addis, e più recentemente don Raimondo Satta e don Alberto Guevara. Nell’abside c’è un affresco raffigurante Santa Barbara, patrona della Marina Militare, a sottolineare il particolare legame esistente un tempo tra quella chiesa e la comunità con le stellette.