Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Maggio 6, 2021
BreviNews

MATTINA/GAZZETTA di MADDALENA, di domenica 24 gennaio 2021

(a cura di Claudio Ronchi).

FASCIA ARANCIONE. Per 2 settimane scattano le restrizioni della Fascia Arancione.

SEGNALAZIONI ALL’URP. Il neo delegato alle Manutenzioni, Luca Falchi, invita la cittadinanza “ad effettuare le segnalazioni all’ufficio URP del municipio, in modo da poter prendere in carico le richieste di intervento”. L’URP è l’Ufficio Relazioni con il Pubblico.

SUI GIORNALI DI OGGI. La Nuova Sardegna; Polemiche sul caso della Maddalena. Situazione in stand-by, alzano la voce i 5Stelle a l’associazione Paolo Merlo.

FARMACIA DELLA DOMENICA. Oggi, domenica 24 gennaio, è di turno, per tutta la giornata, la Farmacia Corda, Piazza Santa Maria Maddalena, 5b, telefono 0789.730195

MESSE DELLA DOMENICA: Alleore 8:00 Due Strade; ore 9:00 Moneta; ore 9:30 Santa Maria Maddalena; ore 11:00 Santa Maria Maddalena; ore 11:30 Chiesa Militare; ore 18:00 Santa Maria Maddalena. “Se giudichi le persone non hai tempo per amarle” (Madre Teresa di Calcutta).

IL TEMPO PREVISTO. Il sole è sorto alle 7:40 e tramonta alle 17:28. Il tempo, sull’Arcipelago-Parco, si prevede così: cielo molto nuvoloso con piogge; venti forti da ponente (ovest), mare agitato; temperature in diminuzione tra 9 e 12 gradi.

IL PROVERBIO. Piove sul bagnato!

AUGURI A: Francesco (San Francesco di Sales, vescovo)

LA STORIA. Milleottanta anni fa, assalto arabo a Maddalena. Fu nel 941 (1080 anni fa) che gli annali registrano un nuovo assalto arabo alle isole dell’Arcipelago di La Maddalena (all’epoca non chiamato naturalmente con questo nome) ed alle coste della Gallura. Non era il primo. Gli arabi islamizzati, galvanizzati dal fanatismo religioso, da quasi 300 anni cercavano di portare nuovi territori e nuovi fedeli all’Islam, aggredendo e sottomettendo interi popoli. La Sardegna non ne fu immune. Il primo assalto risale al 704 e fu disastroso per i sardi quanto inatteso. Assalirono più villeggi costieri della Sardegna, giungendovi con le loro navi, distruggendoli e depredando gli abitanti, spesso uccidendoli o facendoli schiavi, specialmente i giovani e le donne. Le scorrerie furono diverse, e in qualche caso interessarono anche le isole dell’Arcipelago, come appunto nel 941. Da allora e per un lungo periodo i villaggi costieri della Gallura ed i pochi abitanti sopravvissuti delle Isole fuggirono terrorizzati nelle zone interne, della stessa Gallura o della Corsica, lasciando deserte le coste.

LA FOTO. Scorcio basso di Cala Gavetta.

BUONA GIORNATA!