Archivi

redazione@gallurainformazione.it
mercoledì, Aprile 14, 2021
BreviNews

SERA/GAZZETTA di MADDALENA, di domenica 27 dicembre

(a cura di Claudio Ronchi)

CONDIMETEO AVVERSE. A partire dalla nottata di oggi, domenica 27 dicembre, e di domani, lunedì 28 dicembre, la Sardegna e i mari circostanti saranno interessati da venti di libeccio (sw) e ponente (w) che arriveranno sino a burrasca. I fenomeni saranno più intensi lungo la fascia occidentale della Sardegna. Sempre nel corso della notte di oggi il mar di Sardegna andrà progressivamente crescendo, con onde sino a 5m da sud-ovest che investiranno la costa occidentale dell’isola. A partire dal pomeriggio il vento inizierà lentamente a calare e a ruotare da ovest e la mareggiata sarà in scadenza.

DA DOMANI ZONA ARANCIONE. Da domani, lunedì, a mercoledì, sarà Zona Arancione. Allentamento delle restrizioni secondo le disposizioni contenute nei provvedimenti governativi.

SCADENZE AL 30 DICEMBRE PER BORSE DI STUDIO E LIBRI. Sulla base delle disposizioni della Regione Autonoma della Sardegna, i termini per la presentazione delle domande per le borse di studio regionali e per la fornitura gratuita o semi gratuita di libri di testo sono stati prorogate dal 27 novembre al prossimo 30 dicembre. L’assessora Stefania Terrazzoni ricorda che i beneficiari sono gli studenti il cui nucleo familiare presenta un ISEE inferiore o uguale a € 14650. I contributi prevedono: Borsa di studio regionale (a.s. 2019/2020) per gli studenti delle scuole pubbliche primarie e secondarie di primo e secondo grado (6-18 anni); Buono libri (a.s. 2020/2021) per gli studenti della scuola secondaria di primo (11-15 anni) e secondo (16-18 anni) grado. Le domande dovranno essere presentate entro il 30-12-2020 in uno dei seguenti modi: A mezzo PEC all’indirizzo protocollo@pec.comunelamaddalena.it; Consegna a mano agli uscieri presso il Palazzo Comunale di Piazza Garibaldi 13.

ORARI UFFICI COMUNALI DEL MUNICIPIO. Gli uffici comunali ubicati in municipio, in Piazza Garibaldi 13 (Anagrafe, Stato Civile, URP, Protocollo, Elettorale, ecc.), sono aperti dalle 10:30 alle 12:30. All’ingresso, uno per volta, viene misurata la temperatura. Obbligatoria la mascherina.

CARITAS DI SANTA MARIA MADDALENA. È aperta, in via Tommaso Zonza, domani lunedì e venerdì dalle 17:00 alle 18:00; e il giovedì dalle 10:00 alle 11:00.

SUI GIORNALI DI OGGI. La Nuova Sardegna;Avis La Maddalena, è record con 49 donatori.

BENEDIZIONE SALMA. Domani lunedì 28 dicembre, nel cimitero di Palau, alle ore 9:00, sarà benedetta la salma di Paolina Cittadini, ved. Nurra, di anni 86, deceduta il 24 dicembre a Civitavecchia dove, oggi, si sono svolti i funerali.

UN ANNO FA MORIVA: Angela Masu ved. Sardo, deceduta il 27/12/2019, nata nel 1933.

DIECI ANNI FA MORIVA: Carmela di Fraia ved. Urban, deceduta il 27/12/2010, nata nel 1922.

LA STORIA. Novant’anni fa moriva suor Gotteland. Il 27 dicembre del 1940 moriva suor Maria Elisa Gotteland, la terza superiora dell’Istituto San Vincenzo. Aveva 67 anni. I solenni funerali si svolsero il 30 dicembre. Le cronache dell’epoca parlano della commossa partecipazione di circa 8.000 (ottomila) maddalenini. Suor Gotteland è sepolta nel civico Cimitero di La Maddalena. A lei è stata dedicata una via. A quest’Isola infatti dedicò gran parte della sua vita e in quest’Isola volle restare. Vi era giunta 31 anni prima, quando di anni ne aveva 36. Non alta di statura, era pienotta, col viso tondo, il naso un po’ adunco, decisa nei modi e con voce squillante. Donna di grande carità, intelligente, colta, di forte personalità, suor Gotteland interpretò il proprio ruolo con l’autorevolezza che la fede e il rango familiare (famiglia altolocata) le consentivano. Le discrete disponibilità finanziarie di cui godeva, le conoscenze, il poter raggiungere chi allora contava ne fecero un personaggio forte, una protagonista nella di un Arcipelago nel quale il destino (o la provvidenza) l’aveva portata. In pochi anni suor Gotteland trasformò l’Istituto San Vincenzo non solo in un grande centro religioso di assistenza i bisognosi, a cominciare dall’infanzia (orfanotrofio) e di carità verso i poveri, ma anche in una poderosa macchina educativa e culturale, con l’asilo per i più piccoli e le scuole elementari, l’educandato, i corsi privati per le scuole Medie, quelli di musica, canto, pittura, lingue, cucito e ricamo. E tale è rimasto, per diversi decenni, fino alle soglie del terzo millennio.

STASERA SI ESPONE PER IL RITIRO DI DOMANI LUNEDI’: Secco nelle zone A e B. Umido nella zona A.

FOTO DI COPERTINA. Notturno di via Amendola

BUONA SERATA!