Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Aprile 17, 2021
BreviNews

GAZZETTA dalla DIOCESI di venerdì 11 dicembre

(a cura di Claudio Ronchi)

A Santa Teresa devozione per Santa Lucia. Questa domenica, 13 dicembre, è memoria di Santa Lucia. E a Santa Teresa vi è una particolare devozione che risale ai ponzesi che vissero da queste parti ancor prima della fondazione ufficiale del paese, avvenuta nel 1808. La devozione è ancora piuttosto viva tanto che è tradizione che nella chiesa di Santa Lucia, che sorge nell’area sovrastante il porto, si celebri la novena di Santa Lucia, quest’anno alle 17:00. Domenica prossima, memoria della Santa, martire della Chiesa, alla quale furono cavati gli occhi (è patrona dei ciechi, oculisti, elettricisti, si invoca contro le malattie degli occhi), la Messa, celebrata dal parroco, don Peppino Masala, sarà sempre alle 17:00 (una volta per l’occasione giungevano fedeli provenienti dalla vicina Corsica). La chiesa di Santa Lucia, ubicata nell’omonimo quartiere, ha un impiantato architettonico anteriore alla fondazione del paese, quindi precedente all’attuale chiesa parrocchiale di San Vittorio. Negli anni la Chiesa ha subito alcune modifiche. Dipinta di bianco, ha una pianta rettangolare e campanile a vela. In una nicchia è custodita la statua della Santa. In legno di olivastro e ginepro è il crocifisso, opera di Giovanni Pedditzi, mentre le 14 stazioni della via Crucis sono del pittore Cosimo Musio.

A Luogosanto chiusa la Porta Santa: riaprirà nel 2027. Lo scorso 8 dicembre, in occasione della Festa dell’Immacolata, il vescovo mons. Sebastiano Sanguinetti ha chiuso la Porta Santa della Basilica di Nostra Signora di Luogosanto. Prevista, la chiusura, per lo scorso 7 settembre, vigilia della Festa Manna di Gaddura, la Porta Santa era rimasta aperta per volontà del vescovo, al fine di consentire di raggiungere il santuario mariano a coloro che in primavera, a causa della pandemia, non avevano potuto farlo. La Porta Santa sarà riaperta il 7 settembre del 2027.

“Crux Intrerpretum”, con don Antonio Tamponi. Ogni venerdì in prima serata, alle ore 21:00, don Antonio Tamponi, parroco di San Simplicio in Olbia, tiene su Gallura Live il programma “Crux Intrerpretum”.

I vescovi della CES hanno ascoltato i settori produttivi della Sardegna. La mattinata di giovedì 3 dicembre, i vescovi della Conferenza Episcopale Sarda, riunitisi a Donigala (OR), l’hanno dedicata all’ascolto e al dialogo con i settori produttivi della nostra Isola. Sono stati ascoltati singolarmente: Maurizio de Pascale, presidente della Confindustria Sarda; Giorgio Delpiano, presidente della Confapi; Fabio Onnis, presidente della Confcooperative; Claudio Atzori, presidente della Legacoop e Antonello Arru, presidente del Banco di Sardegna. “Ogni audizione ha permesso la conoscenza delle diverse realtà, approfondendo il ruolo di ciascun settore e la risposta che bisogna dare su temi quali la dignità del lavoro, l’inserimento dei giovani e il sostegno alle fasce più deboli della società”, scrivono i vescovi in un comunicato. “È stata anche l’occasione per riaffermare l’importanza della Dottrina Sociale della Chiesa e di quella che ultimamente è stata chiamata – riferita al Papa – L’economia di Francesco”. L’iniziativa dei vescovi proseguirà in futuro, “anche per offrire un quadro sempre più aggiornato della situazione sociale della Sardegna, importante per rafforzare una economia che sia più giusta, fraterna, inclusiva e sostenibile e che non lasci nessuno indietro”. (2-fine)

Il Papa ha indetto un Anno speciale di San Giuseppe. Dall’8 dicembre scorso fino all’8 dicembre 2021 il mondo cattolico vivrà l’Anno speciale di San Giuseppe. È stato indetto da Papa Bergoglio. L’occasione sono stati i 150 anni del Decreto Quemadmodum Deus, con il quale il Beato Pio IX dichiarò San Giuseppe Patrono della Chiesa Cattolica.