Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Luglio 23, 2021
AttualitàNews

Santa Teresa Gallura. La Taras: salviamo almeno una parte della stagione 2020

(di Claudio Ronchi) – Stefania Taras non ci sta! Lei che si è inventata per Santa Teresa e per altri comuni vicini, un progetto per allungare la stagione turistica nei mesi di spalla, che l’ha fatto studiare e finanziare, che ha coinvolto operatori e cittadini, non vuole proprio fermarsi davanti alla crisi mondiale determinata dal coronavirus e alle conseguenti e inevitabili ripercussioni negative sul turismo. “Non possiamo arrenderci, lo dobbiamo a noi stessi e i nostri concittadini”, ha scritto ai colleghi assessori comunali al turismo degli altri comuni, in particolare a quelli della Gallura costiera. “Molti operatori turistici, dopo anni di sforzi, di successi, rischiano di chiudere e non riaprire più, purtroppo come molte altre attività del commercio, dell’agricoltura dell’artigianato, essendo il turismo una economia di rete”. Del resto “molti lavoratori del turismo andranno in cassa integrazione, molti lavoratori stagionali rischiano di non avere reddito”. L’impegno categorico di Stefania Taras è pertanto quello di “salvare una parte della stagione 2020 perché è la prima risposta concreta alle difficoltà delle imprese e alla sofferenza dei lavoratori”. A questo punto c’è necessità, secondo l’assessora teresina, di essere “capaci di cambiare ed evolvere il nostro modello di turismo e di sviluppo con più protezione per ospiti, lavoratori e operatori e più valorizzazione dell’ambiente”. Per far ciò ha proposto ai colleghi un appuntamento su Internet, una conferenza on-line “per confrontarci e iniziare a lavorare insieme”.