Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Settembre 28, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Solenne giuramento dei giovani marinai, “inter nos”

(di Claudio Ronchi) – Non era presente, come preannunciato, il contrammiraglio Danilo Balzano, Capo di Stato Maggiore del Comando delle Scuole della Marina Militare, né, come altre volte è accaduto, il contrammiraglio di Cagliari, per il solenne giuramento degli allievi nocchieri di porto, volontari in ferma prefissata di un anno, avvenuto venerdì 20 dicembre presso la Scuola Sottufficiali.

La qual cosa è passata probabilmente inosservata ai 227 giovani (141 ragazzi e 86 ragazze) e ai loro familiari (genitori, fratelli, sorelle, fidanzate e fidanzati), giunti numerosi a La Maddalena da ogni parte d’Italia, alcuni dopo viaggi lunghissimi, che hanno vissuto momenti di particolare commozione. A loro si sono rivolti, con parole di congratulazioni e ringraziamento, sia il comandante della scuola, Filippo Marchetti (che ha letto la formula di giuramento ascoltabile sulla pagina facebook di Gallura Informazione), sia il sindaco Luca Montella, al quale va il merito – dopo anni di discutibile gelo ideologico – di aver riallacciato giusti rapporti con i vertici militari e gli uomini che in questi anni li hanno rappresentati.

Ma le assenze che si osservavano prima non sono passate inosservate  a chi la vita della Marina all’Isola la segue da anni, seguendone le vicende e captandone voci e umori.

La cerimonia di giuramento ha avuto un bell’epilogo con la parata dei reparti nella pubblica strada. A solennizzare l’evento è stata la Banda della Brigata Sassari, che il giorno prima aveva tenuto un applaudito concerto nella piazza del Comune, sotto il grande albero di Natale.

Durante il corso, gli allievi hanno acquisito la capacità di impiegare le armi portatili, autonomia d’azione nello svolgimento dei servizi di guardia, la conoscenza dei principi per la salvaguardia della sicurezza sui luoghi di lavoro, “la preparazione etico-militare di base e la consapevolezza nel dover svolgere una professione contraddistinta da uno ‘status’ peculiare, da cui derivano obblighi etici e morali imprescindibili”. In questi giorni i giovani militari lasceranno La Maddalena per raggiungere le destinazioni loro assegnate.