Archivi

redazione@gallurainformazione.it
domenica, Giugno 26, 2022
AttualitàNews

Arzachena. Un fronte unico a difesa della terra, cioè di noi

(di Claudio Ronchi) – “L’unico motivo per cui il riscaldamento globale sembra inarrestabile è che non abbiamo ancora provato a fermarlo”. La frase era scritta su uno striscione tenuto aperto da due ragazzi delle medie. Ragazzi delle scuole arzachenesi che sono intervenuti, durante i lavori del consiglio comunale del 26 settembre scorso, leggendo brevi messaggi subito dopo la presentazione dell’ordine del giorno da parte del delegato all’Ambiente Michele Occhioni e di altri interventi di sostegno all’iniziativa che ha portato alla approvazione della delibera, in forma simbolica, riguardante la “Dichiarazione dello stato di emergenza climatica e ambientale”.

Oltre a quasi tutti i consiglieri comunali, erano presenti anche i rappresentanti della guardia costiera delle sedi di Porto Cervo e di Palau, e Filippo Sotgiu, del movimento Fridays for Future. Oltre il presidente del consiglio comunale Rino Cudoni sono intervenuti la delegata all’urbanistica Claudia Giagoni, la delegata alla cultura Valentina Geromino, l’assessore Fabio Fresi, la consigliera di minoranza Maria Giagoni.

Articolato l’intervento di Filippo Sotgiu di Fridays for Future, che oltre a ricordare la critica situazione climatica mondiale e le ripercussioni negative, che in un futuro non lontano potrebbero diventare drammatiche, sulla vita degli uomini, cioè di noi, ha sottolineato come nella lotta che si sta cominciando ad intraprendere più generazioni, comprese quelle dei padri e dei figli, sensibili ormai della gravità del problema, comincino a fare fronte unico.