Archivi

redazione@gallurainformazione.it
giovedì, Aprile 15, 2021
AttualitàNews

La Maddalena. Bivacchi e schiamazzi; il sindaco: conto di andare a parlare con quei ragazzi

(di Claudio Ronchi) – “Chiedo la disponibilità dei consiglieri comunali, in una serata in cui queste cose avvengono, per recarci tutti assieme in questi luoghi e per cercare di parlare con questi giovani, per svolgere un intervento anche di tipo sociale”. Richiesta questa avanzata dal sindaco Luca Montella dopo che, durante i lavori del Consiglio Comunale del 27 marzo scorso, il consigliere di Minoranza Gaetano Pedroni aveva sollevato la questione dei tanti giovani e giovanissimi che, nelle ore serali e notturne, stazionano in alcune zone del centro storico.

“Abbiamo ricevuto segnalazioni circa situazioni di disagio che si stanno vivendo in alcuni quartieri, come l’Artiglieria” ha detto Pedroni, “per la presenza di giovani che nelle ore serali bivaccano e disturberebbe la quiete pubblica. Ho saputo, signor sindaco, che lei ha attivato i carabinieri ma le proporrei di visionare il contenuto delle videocamere che ci sono nel centro storico, anche attraverso il comando dei vigili urbani per verificare se ci sono atti vandalici ripresi e, nel caso, per identificare gli autori. Io presumo – ha proseguito Pedroni – che non si tratti di delinquenti; credo che si possa trattare di ragazzi un po’ allo stato brado, come lo siamo un po’ stati anche noi da ragazzi. E quindi penso che il tutto, alla fine, si possa ricondurre a una ragazzata per poi intervenire attraverso i loro genitori”.

Però, ha proseguito il capo gruppo de Il Vento che Cambia, “se si producono disturbi attraverso gli schiamazzi e la musica, disturbando persone e famiglie che abitano in quelle zone, non è più libertà, si crea disagio alla libertà dei cittadini. Io so che i carabinieri già fanno un servizio di vigilanza serale e notturna, penso che potremmo attivarci anche attraverso l’uso delle telecamere”.

Certe segnalazioni sono giunte anche a me, ha risposto il sindaco Montella. “Ci stiamo muovendo, ci stiamo attivando”. Per quanto riguarda l’Artiglieria, il sindaco conta di poter presto intervenire attraverso dei fondi regionali, “e questo porterà ad un minor degrado e senso di abbandono che favorisce la presenza di chi pensa che sia tutto abbandonato”.