Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Aprile 13, 2021
Attualità

Palau. Il commissario ha regolato l’attività degli artisti di strada

Piazza Due Palme

È arrivato il momento, anche a Palau, di disciplinare l’attività degli artisti di strada che, con la loro presenza in passato, “anziché rappresentare una positiva manifestazione e possibilità di incontro”, hanno prodotto in qualche caso “turbative all’ambiente e alle persone”. Alla base del regolamento, approvato dal commissario straordinario Mario Carta, sta la disponibilità ad accogliere, valorizzare e ospitare le forme artistiche a carattere musicale, teatrale, figurativo ed espressivo, esercitate in spazi pubblici od aperti a pubblico del territorio comunale, quale risorsa per l’integrazione delle diversità culturali, di incentivo all’affermazione di giovani talenti, di incontro creativo ed aggregante tra le persone, di promozione turistica dei luoghi, di recupero di antiche tradizioni culturali e popolari.

Nel contempo però il regolamento si propone di salvaguardare, con l’imposizione di vincoli e limiti, la serena e civile convivenza al fine di tutelare la quiete nel riposo e nelle attività, la fruibilità ed il corretto uso del suolo pubblico e dei beni comuni, il decoro e l’igiene ambientale, la qualità della vita e, in generale, la sicurezza stradale ed urbana.

Le arti di strada sono consentite dalle ore 17.00 alle ore 22.30 nei mesi da aprile a giugno, e dalle 17.00 alle 24.00 nei mesi da luglio a ottobre, nei giorni dal lunedì alla domenica, esclusivamente in via Nazionale, da incrocio via Capo D’Orso a incrocio via Rossini, piazza Gian Domenico Fresi, via Fonte Vecchia (area pedonale) o altre aree da individuarsi da parte del Comune.

Per esercitare le arti di strada si deve presentare apposita domanda al Comune, si deve essere cittadino italiano o comunitario e, se cittadino extra comunitario, si deve essere in regola con le norme di ingresso e permanenza nello stato italiano; inoltre non si devono aver riportato condanne, anche in primo grado, per reati contro lo Stato, la Pubblica amministrazione, la persona, il patrimonio; infine non si deve essere sottoposti, all’atto della richiesta, alle misure di prevenzione (legge antimafia). Il regolamento prevede un sistema sanzionatorio in caso di violazione delle disposizioni del regolamento, delle ordinanze, delle norme statali e regionali.