Archivi

redazione@gallurainformazione.it
lunedì, Luglio 4, 2022
AttualitàNews

La Maddalena: Corrao (M5S Eu), Italia viola il trattato di Amsterdam, intervenga Commissione

Ignazio Corrao 5 Stelle“La Maddalena ed i suoi cittadini sono sempre più isolati. L’Italia continua a violare il diritto alla mobilità dei cittadini e la contiguità territoriale come sancito dal Trattato di Amsterdam. Intervenga l’Europa”. Il capo delegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento Europeo Ignazio Corrao interviene in questi termini sui principi di contiguità territoriale e diritto alla mobilità delle isole minori, approntando una apposita interrogazione parlamentare ad indirizzo della Commissione Europea. Il caso riportato è quello dell’isola sarda de La Maddalena, in cui il trasporto marittimo rappresenta l’unico strumento per la contiguità territoriale.  “Dal 2006, con l’eliminazione di 7 corse Saremar – si legge nell’interrogazione – si è avuto un aumento indiscriminato delle tariffe sulle tratte considerate causando forti limitazioni agli scambi economici e sociali tra i residenti nell’arcipelago e i comuni limitrofi, nonchè la perdita di lavoro per numerose persone. Dal mese di ottobre dopo l’uscita dalla linea di due compagnie private, le corse diurne si riducono da 72 a 21, effettuate dalla Saremar. La Delcomar effettua 10 corse notturne, dati che rendono carente anche il servizio sanitario. Nell’ospedale de La Maddalena infatti, non esiste una banca del sangue e non ci sono sale operatorie funzionanti, quindi la capillarità dei traghetti è essenziale anche per ciò che concerne la tutela del diritto alla salute”. A seguito delle necessarie premesse, l’europarlamentare siciliano si rivolge alla Commissione Europea chiedendo: “Quali iniziative intende intraprendere a tutela della continuità territoriale così come disciplinata dall’art. 154 del Trattato di Amsterdam. Ed ancora quali iniziative intende intraprendere per assicurare il servizio di collegamento delle Isole minori e per sostenere il diritto alla mobilità dei cittadini al fine di garantire i bisogni primari e l’uguaglianza sostanziale.”