Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Aprile 13, 2021
Attualità

La Maddalena. Paolo Provenzano e Antonio Panzera accoliti

Paolo Provenzano (Foto Il Vento)
Paolo Provenzano (Foto Il Vento)
Antonio Panzera (Foto Il Vento)
Antonio Panzera (Foto Il Vento)

È stato il canonico mons. Giovanni Maria Pittorru, nato a Sant’Antonio di Gallura, ordinato sacerdote dal cardinale Ugo Poletti, per diversi anni vicario generale di Papa Giovanni Paolo II per la Diocesi di Roma, dal 2010 parroco della Sacra Famiglia in Castelsardo, a conferire il ministero dell’Accolitato, in Santa Maria Maddalena, ai maddalenini Paolo Provenzano e Antonio Panzera. La Messa è stata concelebrata, alla presenza di numerosi fedeli, da don Domenico Degortes, don Alberto Guevara e don Antonello Tumminello. Paolo Provenzano a La Maddalena è il fondatore e il responsabile del Gruppo di Preghiera San Pio da Pietrelcina, ed ha incarichi regionali e nazionali nell’associazione. Antonio Panzera è in S.Maria Maddalena catechista e preparatore dei corsi matrimoniali, è collaboratore anche della Parrocchia Militare della Madonna della Medaglia Miracoloso e di Radio Arcipelago dove legge la Parola del Papa. L’accolitato – che segue il lettorato – è un ministero con il quali il vescovo – o suo delegato come in questo caso – incarica un fedele, anche sposato, e nel nostro caso lo sono, a svolgere ufficialmente un servizio particolare nella liturgia della comunità. L’accolito aiuta il sacerdote e il diacono. Alcuni di questi servizi Provenzano e Panzera di fatto li svolgevano già da tempo. Ora, da accoliti, preparano l’altare e i vasi sacri, dopo la preghiera universale dispongono sull’altare il corporale, purificatoio, il calice e il messale, distribuiscono ai fedeli la comunione (cosa che già facevano in quanto ministri straordinari dell’Eucaristia) purificano e riordinano i vasi sacri alla fine della Messa. A La Maddalena, a parte, negli ultimi decenni, i poi diventati sacerdoti Massimo Terrazzoni, Roberto Aversano, Giuseppe Akharian e Antonello Tumminello, l’ultimo accolito sposato è stato Annibale Fastame, deceduto qualche anno fa. Fu il 14 febbraio 1982 che per la prima volta nell’Arcipelago il vescovo Carlo Urru, essendo parroco Salvatore Capula, conferì il ministero del lettorato ad Alessandro Conti e Annibale Fastame, ed il ministero dell’accolitato a Fernando Del Bene e Mario Sangaino. Successivamente, come detto, a Fastame fu conferito l’accolitato. Tutte persone ora decedute. Claudio Ronchi

(Riproduzione riservata)