Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Aprile 13, 2021
Brevi

Olbia. I Carabinieri arrestano i presunti autori della rapina al ‘Banco dell’Oro’

Olbia. I Carabinieri arrestano i presunti autori della rapina al ‘Banco dell’Oro’.

Comunicato stampa del Ten.Col. Nicola Lorenzon, comandante del Reparto Territoriale dei Carabinieri di Olbia.

È al momento in corso, in Olbia e Buddusò, un’operazione volta all’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei soggetti ritenuti autori della rapina a mano armata perpetrata lo scorso 7 ottobre presso l’esercizio “Banco dell’Oro” di Olbia. I tre soggetti, due diciannovenni (Porcu Salvatore da Buddusò e Piras Mirko da Olbia) ed un minorenne, sono stati trovati presso le proprie abitazioni di Olbia e Buddusò. Durante le perquisizioni domiciliari, i Militari dell’Arma di Olbia e di quella di Ozieri, agendo in collaborazione, hanno anche rinvenuto alcuni indumenti significativi per le indagini tra cui due passamontagna nascosti sotto un letto che presentavano degli interventi artigianali di cucitura per rendere ancor più occultabile il volto. L’emissione delle misure cautelari, rispettivamente da parte del Tribunale di Tempio Pausania e di quello per i Minorenni di Sassari, è scaturita a seguito di richiesta delle due Procure della Repubblica interessate che hanno accolto l’ipotesi investigativa dei militari operanti. Gli indizi raccolti sulla scena della rapina (tra cui particolarmente utili si sono rivelate le immagini dell’impianto di video-sorveglianza) da parte del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia hanno inizialmente permesso di orientare su Porcu Salvatore i primi sviluppi. Grazie alla determinante collaborazione dell’Arma di Ozieri e di quella di Buddusò, poi, è stato possibile giungere ad individuare anche i correi olbiesi. Nel corso delle indagini, peraltro, è stato effettuato un prolungato pedinamento in stretta collaborazione tra i due Comandi, grazie al quale Porcu Salvatore era stato trovato in possesso di un passamontagna ed un fucile a canne mozze. Proprio in quella circostanza, l’osservazione del giovane, che anche quella sera era in compagnia di un minorenne, aveva fatto comprendere quali potessero essere le ipotesi di reinvestimento del denaro asportato: il ragazzo si è intrattenuto in un noto negozio di abbigliamento del centro città dove ha dato luogo ad acquisti di vestiario alla moda, prima di ricevere dal suo correo l’arma ed il passamontagna. I tre arrestati verranno condotti presso le case circondariali di Sassari, Tempio Pausania e, per il destinatario del provvedimento del Tribunale per i Minorenni, l’apposito Istituto Minorile di Quartucciu.

(Mercoledì 30 novembre 2011)