Archivi

redazione@gallurainformazione.it
martedì, Aprile 13, 2021
Attualità

Politica. Servitù Militari, Palomba (Idv): Il Governo rispetti gli impegni presi con i Comuni e con la Regione Sardegna

Servitù Militari, Palomba (Idv): Il Governo rispetti gli impegni presi con i Comuni e con la Regione Sardegna.

Ieri si è svolta a Cagliari la riunione tra il presidente della Regione Cappelacci ed i 10 Comuni sardi (tra i quali La Maddalena) gravati dalle servitù militari. Oggetto dell’incontro il ritardo degli indennizzi dello Stato ai Comuni. Sull’argomento il deputato dell’Italia dei Valori Federico Palomba ha presentato un’interrogazione (alla quale chiederà un’urgente risposta) al Ministro della Difesa chiedendo l’immediato versamento degli indennizzi dovuti dal Governo ai Comuni sardi interessati dalla servitù militari. «Il fatto che lo Stato non abbia ancora pagato i circa 14 milioni di indennizzi relativi al periodo 2005/2009 è sconcertante», afferma Palomba, che, quale allora presidente della Regione sarda, firmò nell’agosto 1999 un protocollo d’intesa con l’allora presidente del Consiglio dei Ministri Massimo D’Alema proprio per ottenere una compensazione economica a favore dei Comuni sardi interessati dalle esercitazioni militari. «Il mancato versamento dei dovuti 14 milioni di euro, che pare non siano più disponibili per decisione del Governo, ha suscitato l’indignazione dei sindaci dei Comuni interessati che ora chiedono alla Regione Sardegna di sollecitare il Governo al mantenimento degli impegni presi nel 1999», afferma il deputato dipietrista che chiede al ministro La Russa di rimediare all’incomprensibile ritardo nell’erogazione degli indennizzi, che rappresentano per i Comuni sardi interessati dalle servitù militari un’entrata fondamentale per la realizzazione di importanti opere pubbliche. «Il Governo adempia finalmente agli impegni presi con la Regione Sardegna – conclude Palomba – . Non permetteremo che questo rappresenti l’ennesimo scippo perpetrato in danno dei nostri territori che già sopportano le servitù militari».

(Venerdì 14 ottobre 2011)