Archivi

redazione@gallurainformazione.it
venerdì, Febbraio 26, 2021
Attualità

La Maddalena. L’ENPA “Spettacoli, decisamente incivili e lesivi dei più elementari diritti degli animali”

La Maddalena.  L’ENPA “Spettacoli, decisamente incivili e lesivi dei più elementari diritti degli animali”.

Ci auguriamo che nel nostro territorio non abbiano più luogo manifestazioni di questo genere, e ci dichiariamo pronti a scendere in campo per boicottare qualsiasi evento che non tuteli il benessere degli animali”. A scriverlo in una durissima lettera è la sezione maddalenina dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) a proposito dell’evento ‘Caprera Cavalli’ svoltosi nell’isola di Garibaldi dal 30 settembre al 2 ottobre scorso. “Durante questi spettacoli, decisamente incivili e lesivi dei più elementari diritti degli animali, erano presenti numerosi bambini ed un gruppo di persone disabili che sono state prontamente allontanate per evitargli di assistere ad episodi violenti e diseducativi. La nostra Sezione denuncia questo tipo di manifestazioni violente e rimarca con dispiacere quanto avvenuto nella nostra città -alla presenza delle autorità comunali – in un momento in cui, sia l’ENPA che molte altre associazioni animaliste portano avanti numerose battaglie per tutelare il benessere degli animali ed i loro diritti, riconosciuti anche legalmente oltre che moralmente”. Secondo l’ENPA, durante l’evento, facente parte delle Celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, peraltro patrocinato dalla Regione Sardegna, dal Comune di La Maddalena e dal Parco Nazionale Arcipelago di La Maddalena, ci sarebbe stata “la sistemazione degli animali in piccoli recinti, dove alcuni cavalli ‘interi’ si sono feriti tra loro a causa della loro esuberanza”.  Inoltre ci sarebbe stata “la presenza di una cavalla fattrice con il puledrino costretta a difendersi dalle ‘avances’ di alcuni stalloni presenti nello stesso recinto”. Sempre secondo l’ENPA gli animali sarebbero stati “esortati a muoversi con scariche elettriche, con tubi di ferro e con bastoni chiodati con cui venivano colpiti ai fianchi”.

(Giovedì 6 ottobre 2011)