Archivi

redazione@gallurainformazione.it
sabato, Febbraio 27, 2021
Brevi

Olbia. Bliz congiunto Guardia di Finanza-Polizia Locale di Olbia nel settore locazioni agli stranieri

Olbia. Bliz congiunto Guardia di Finanza-Polizia Locale di Olbia nel settore locazioni agli stranieri.

Bliz congiunto, Guardia di Finanza-Vigili Urbani di Olbia, nella mattina di oggi 26 alle 6 del mattino in via Nanni e in via Spensatellu. In via Nanni, in un appartamento distribuito su due livelli sito al primo piano di un condominio, sono stati identificati 18 uomini di nazionalità pachistana tutti in possesso di regolare permesso di soggiorno. Essi occupavano stanze anguste in cui erano state stipate numerose brande; le condizioni di vita e il sovrappopolamento nell’appartamento generavano uno stato igienico-sanitario di oggettivo degrado. Il blitz, condotto anche con l’ausilio delle unità cinofile antidroga della Guardia di Finanza, ha consentito di rinvenire una modica quantità di stupefacenti che è stata sequestrata insieme ad alcuni merci contraffate. Analogo intervento c’è stato in via Spensatello, dove 23 giovani pachistani dormivano in giacigli improvvisati al primo e al secondo piano di un fabbricato di proprietà di un pensionato. All’esterno dell’immobile niente faceva presagire tale situazione; la casa, costruita con gusto e con rifiniture apprezzabili, celava al primo e secondo piano una condizione di sovraffollamento inimmaginabile. Gli uomini del nucleo antiabusi edilizi della Polizia Locale hanno accertato che la soffitta – priva di requisiti abitativi – era stata adattata per ospitare un numero inverosimile di uomini. Anche acquisendo dichiarazioni dai cittadini extracomunitari, è stato possibile accertare che essi pagavano cifre mensili varianti tra 300 e 700 euro ciascuno. I proprietari degli immobili saranno sottoposti ad ulteriori controlli in campo fiscale al fine di verificare se essi abbiano dichiarato il reddito prodotto concedendo in locazione gli immobili. Essi, comunque, hanno commesso violazioni in campo amministrativo e delle leggi di pubblica sicurezza per non aver compiutamente comunicato la cessione dei fabbricati ed il numero degli occupanti. Saranno anche indagati per abusi edilizi. (Martedì 26 luglio 2011)